Il Pacchetto Regale, DLC acquistabile singolarmente (o già incluso in Windows e Royal Edition), aggiunge a Final Fantasy XV lo Yacht Regale, nuovo mezzo di trasporto in grado di solcare i mari e farci viaggiare da Altissia a Capo Caem a Galdin. Sarà il buon vecchio Cid a farci dono delle chiavi del vascello, una volta giunti ad Altissia nel corso del Capitolo 9, esortandoci a viaggiare ed esplorare il mondo per diventare un sovrano migliore.

Nel corso della nostra prima visita alla città sull’acqua, facciamo subito tappa all’Hotel Leville per incontrare Gentiana e sbloccare la possibilità sia di chiamare Umbra per fare “un salto nel passato”, sia di metterci ai comandi dello yacht.

L’esplorazione acquatica si accompagna ad una serie di nuove missioni, fondamentalmente basate sulla più grande passione di Noctis – la pesca – e su quella di Prompto – la fotografia – non trascurando la possibilità di recuperare nuovi ingredienti per la cucina del nostro Ignis. Prima di avventurarci tra le acque di Eos, però, facciamo un salto al mercato sull’acqua e parliamo con Weskham per attivare la quest “Il dio del mare”!


Il dio del mare

Condizioni. dal Capitolo 9
Ricompensa: 200 ESP

Al bar di Weskham, esaminando uno dei tavolini di fronte al bancone centrale, lo storico amico di Regis ci parlerà di un secondo “dio del mare”, oltre al già noto Leviatano. Si tratta di Bismarck, che pare ami aggirarsi nelle zone più affollate dai gabbiani. Per imbarcarci usiamo la gondola per raggiungere il Porto di Altissia, e da qui esaminiamo il pontile per salire a bordo.

“Non è un dio in senso stretto, ma per i pescatori di Altissia è immortale come una divinità. Gli rivolgono preghiere nella speranza di ottenere un buon pescato. Stando alle leggende, Bismarck nuota dove ci sono tanti gabbiani. Se li vedi, potresti trovare anche lui”.

Allontaniamoci da Altissia in direzione Sud-Ovest, fino ad avvistare il primo folto stormo di gabbiani, segno che il possente Bismarck non dev’essere molto distante. Assicuriamoci di attivare la missione dall’omonima voce del menu ed esploriamo la zona: il punto esatto in cui potremo avvistare Bismarck è indicato nella mappa che segue. Prepariamoci ad un incontro ravvicinato con il gigantesco Bismarck!

 

Se ritorniamo nello stesso punto, rivedremo nuovamente “il dio del mare” e, alla sua scomparsa, potremo notare una buona quantità di pesci attorno allo Yacht. Bismarck ha lasciato infatti il posto ad un ricco punto di pesca che ci permetterà di catturare una nuova tipologia di pesce e far apprendere ad Ignis una nuova ricetta!

Per riuscire nell’intento abbiamo bisogno dell’esca “[Megaflash] Bahamut“, che possiamo ottenere completando l’attività “Il Sovrano del Vesper“: se non lo abbiamo ancora fatto, dirigiamoci al Parcheggio Lago Vesper e riposiamo al Rifugio Capitis per accettare la sfida di Gladio. Il nostro obiettivo è il gigantesco Arapaima nobile, catturabile con l’esca “[Agus 10.000] Gyactus d’oro” che possiamo acquistare all’Emporio lì accanto.

Recuperata l’esca [Megaflash] Bahamut, possiamo puntare al piccolo tondino blu lampeggiante – simbolo di un pesce raro – nella zona di pesca di Bismarck. La nostra preda è il Tonno di Styria, da cui potremo ottenere il “Filetto di Tonno Orientale” e far apprendere ad Ignis la ricetta “Sushi del Gran Cuciniere!”

Il Sushi del Gran Cuciniere applica al gruppo i seguenti effetti positivi:

  • “Apporto di gran forma” (Incremento generale, ESP +50%)
  • “Apporto percezione” (Colpi critici garantiti)
  • “Apporto incrollabilità” (Capacità di scattare senza stancarsi)

Chance fotografica – La porta sull’acqua

Dove: nei pressi del canale d’ingresso ad Altissia, anche in ore notturne.
Ricompensa: 250 ESP

 


Chance fotografica – Angelgard

Dove: nei pressi dell’isola sacra di Angelgard, a Sud del molo di Galdin.
Ricompensa: 200 ESP

 

Nota: se ci avviciniamo ulteriormente ad Angelgard, una breve cutscene ci bloccherà ricordandoci che, trattandosi di territorio sacro, ne è vietato l’accesso. 


Chance fotografica – Da Perla

Dove: avvicinandoci al molo di Galdin.
Ricompensa: 200 ESP

 


Chance fotografica – Caem

Dove: avvicinandoci all’approdo di Capo Caem.
Ricompensa: 250 ESP

 


Chance fotografica – Il camino

Dove: A Sud-Ovest di Capo Caem.
Ricompensa: 200 ESP

 


La via della pesca – Il mostro degli abissi

Ricompensa: 250 ESP

Raggiungendo il punto indicato nella mappa qui presente, Gladio ci lancerà una sfida inerente il mondo della pesca. Le missioni della categoria “La via della pesca” sono in tutto 3, proposte da ciascuno dei nostri alleati, e per completarle e ottenere i relativi punti ESP è sufficiente raggiungere il relativo indicatore azzurro. Nei rispettivi punti, però, si trova un ricco punto di pesca con all’interno un pesce raro.

La missione “Il nostro degli abissi” ci mette davanti alla sfida di pesca probabilmente più impegnativa dell’intero gioco: è essenziale aver raggiunto il livello 10 nel talento di Noctis e disporre delle migliori attrezzature (vedi “Attrezzatura da pesca“), ed è inoltre caldamente raccomandato l’uso della “Torta moguri al formaggio” (piatto speciale del Carnevale Kupòkuè) in grado di ridurre del 25% i danni alla lenza. 

 

All’interno di questa zona troveremo diverse varietà di pesce, tutti rappresentati sulla mini-mappa della pesca da un cerchietto giallo (simbolo dei pesci da cui è possibile ottenere degli ingredienti), luminoso o meno. Si tratta di Cernia delle maree (da cui potremo apprendere la ricetta “Cernia delle maree fritta”), Iperoglife luminoso, Carango sgargiante, Barramundi dei crepacci, Trota di Myrl (“Guance di trota grigliate”), Carango gigante, Barramundi Crestato (“Sandwich al pesce”) e Spigola di Cygilla.

La nostra preda, invece, sarà contrassegnata sulla mini-mappa della pesca da un piccolo cerchietto azzurro luminoso, simbolo del pesce raro. 

Per riuscire nell’impresa è essenziale che il cerchietto azzurro si trovi vicino ad un cerchietto giallo lampeggiante. In caso contrario, usciamo dalla modalità di pesca e rientriamoci nuovamente fino a quando questa condizione non sarà soddisfatta. Ci renderemo infatti conto che è impossibile attirare l’attenzione del pesce del cerchietto azzurro, indipendentemente dall’esca utilizzata.

Puntiamo allora il mirino sul simbolo giallo e lanciamo la nostra esca (è consigliato utilizzare l’esca [Ondyne] Leviatano, ottima per quasi tutti i tipi di pesce e soprattutto impossibile da perdere anche in caso di rottura della lenza). Non appena il pesce comune avrà abboccato, seguiamo come sempre i suoi movimenti inclinando la lenza di conseguenza, e se vogliamo stanchiamolo pure un po’, senza però azzerare del tutto la sua energia vitale. 

Passando accanto al cerchio azzurro, il nostro pesce attirerà l’attenzione del suo vicino e si trasformerà nell’esca perfetta! Proprio come da proverbio: “Il pesce grande mangia il pesce piccolo”!

La vera sfida comincia adesso: la nostra nuova preda è dotata di una forza impressionante e di uno sproposito di PV, per cui la battaglia si protrarrà a lungo. Buona fortuna!

 


La via della pesca – Il sovrano marino

Ricompensa: 250 ESP

Il nostro Ignis è alla ricerca di nuovi ingredienti: anche in questo caso il nostro obiettivo è rappresentato dal cerchietto azzurro luminoso sulla mini-mappa della pesca. Il simbolo cela la Cernia nephilim, nuovo pesce che ci permetterà di ottenere una “Scaglia di cernia“. Tra le 3 missioni “La via della pesca”, si tratta probabilmente della sfida più semplice.

 


La via della pesca – Il sogno salmastro

Ricompensa: 250 ESP

Questa missione è attivata da Prompto, avvicinandoci in direzione Est-Ovest all’approdo mostrato nella mappa che segue. La nostra preda (anche in questo caso contrassegnata dal tondino blu luminoso) è il Barramundi Dynnel, che ci permetterà di ottenere la “Cresta di barramundi dorata” e arricchire di una nuova unità il nostro catalogo di pesca. 


 

  • 27
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    27
    Shares
  • 27
    Shares
Rinoa Heartilly

Rinoa Heartilly

Il mio nome è Anna e ho creato il Rinoa's Diary nell'ormai lontano 2001, stregata (ha-ha) dall'ottavo capitolo Final Fantasy. Da quel momento, l'amore per la saga non mi avrebbe più abbandonata.

Lascia un commento