Soluzione di Final Fantasy XII - Laboratorio Draklor

  ● Autore: "Leonheart88" (profilo)

Ci troviamo al 66esimo piano del Laboratorio Draklor: il nostro obiettivo è salire fino in cima per incontrare il famigerato Dottor Cid, per cui dirigiamoci ad Ovest e poi a Nord, oltre la scia di cadaveri. Giungeremo così all'ascensore, dove dovremo selezionare, tramite i comandi presenti, il 67esimo piano. Proseguiamo ad Est e poi a Nord per entrare nel Laboratorio: entreremo in possesso del Pass del laboratorio e della Mappa del Laboratorio Draklor! Una volta usciti dalla stanza potremo osservare che il navigatore in alto a destra soffre di strane interferenze. Ci toccherà quindi fare affidamento sulla mappa grande e sul nostro senso di orientamento per poter andare avanti. Entriamo nella stanza adiacente al laboratorio, dove troveremo un Salvocristallo e alcuni ricercatori. Dopo aver salvato la posizione, parliamo con il ricercatore per venire a conoscenza del sistema delle paratie, che funzionano pressappoco come i cancelli nelle Miniere di Henne: aprendo gli uni, si chiudono gli altri. Usciamo dalla stanza ed entriamo in quella immediatamente adiacente, 6703 Est, per trovare un pannello di controllo paratie. Azioniamolo ed apriamo quelle blu, chiudendo così immediatamente le rosse. Torniamo poi verso l'ascensore ed iniziamo a fronteggiare i numerosissimi nemici che appariranno improvvisamente: sarà inutile cercare di sconfiggerli tutti, considerando anche che continueranno ad apparirne dall'ascensore, per cui non appena la situazione si calmerà per un momento affrettiamoci a selezionare il 68esimo piano dai comandi dell'ascensore.
Arrivati al 68esimo piano dirigiamoci nella stanza 6803 Est per aprire le paratie rosse. Visto e considerato il Boss che ci attende non troppo distante, se fatichiamo ad eliminare i soldati che ci sbarrano il cammino forse sarà il caso di fermarci un po' a livellare. Dirigiamoci ora verso il lato opposto da cui siamo venuti, cioè verso Nord e poi in direzione Ovest, per arrivare alla stanza 6804 Ovest: qui chiudiamo le paratie rosse ed apriamo quelle blu. Apriamo ora la mappa e vediamo come dirigerci verso l'angolo a Sud-Ovest: qui troveremo la stanza 6811 Ovest, dove dovremo nuovamente aprire le paratie rosse. Superiamo le paratie ed avanziamo verso Nord per trovare l'ascensore Sud, che ci condurrà alla volta del 70esimo piano. Godiamoci la scena di intermezzo ed assicuriamoci di salvare la partita non ne abbiamo l'opportunità: stiamo per incontrare un caro papà..!

Dottor Cid
Livello 40
HP: 72.989
EXP: 0
LP: 29

Strategia: Dopo il classico discorsetto di benvenuto ci troveremo a combattere contro il famigerato dottore e quattro Rukh, dei piccoli robottini da difesa. Cid sarà invulnerabile fino a quando non avremo eliminato tutta la sua corte: per superare la magia Reflex che si casteranno contro, sbaragliamoli con una sequela di attacchi fisici oppure con qualche Apoteosi mirata se abbiamo Eteri da sprecare. Una volta eliminati i quattro Rukh, dirigiamo la nostra attenzione sul dottore facendo bene attenzione a mantenere sempre alti gli HP, perché verso la fine del combattimento Cid userà il suo attacco più potente, il Mortaio magico S27, che infliggerà notevoli danni a tutta la squadra. Curiamoci prontamente e lo scontro sarà meno arduo del previsto.

Terminato lo scontro verremo a conoscenza degli avvenimenti verificatesi, e che ancora ignoravamo, grazie ad alcuni brani del Diario di Ondore.
"La guerra che avrebbe deciso le sorti di Ivalice era ormai prossima

Dopo molteplici scene di intermezzo riprenderemo finalmente il controllo dei personaggi. Prima di teletrasportarci alla Giungla di Golmore, però, è conveniente dare un occhiata in giro e per i vari negozi che potremo trovare, senza considerare le innumerevoli subquest che possiamo intraprendere da questo punto del gioco in avanti. Quando siamo soddisfatti azioniamo il Telecristallo situato lungo la via della brezza per raggiungere la Giungla.
Nota: Proseguendo oltre il Telecristallo ci ritroveremo nell'Altopiano di Cerobi, popolato da mostri forti ma con numerosissime giare contenenti strabilianti oggetti.

Giunti alla Giungla dirigiamoci a Est per arrivare al Sentiero del sussurro verde; una volta superato sarà il turno del Sentiero della confusione, e da qui dovremo proseguire verso Sud per arrivare al Sentiero delle avversità. Spostiamoci ancora in direzione Sud e giungeremo finalmente alla Foresta Stregata.


Foresta Stregata
Una volta arrivati, eliminiamo la schiera di nemici che ci troveremo di fronte - non sarà così facile come sembra - e dirigiamoci verso l'uscita a Sud-Est. Facciamo attenzione, perché le uscite sono in totale cinque. Dovremmo trovarci a questo punto lungo il Sentiero dell'inganno: purtroppo non potremo fare affidamento sulla mappa a schermo, che sarà temporaneamente fuori uso. Fortunatamente ci basterà dirigerci Nord-Est per trovare in un anfratto la Mappa della foresta stregata. Ora che è più facile orientarci muoviamoci in direzione Sud fino ad arrivare alla Fine del Vetusto, salviamo il gioco e tiriamo un attimo il fiato. Una volta pronti imbocchiamo la via, per andare incontro all'ennesimo Boss!

Rafflesia
Livello 43
HP: 73393
EXP: 0
LP: 33

Strategia: Rafflesia inizierà la battaglia attivando un campo magico in grado di prosciugare molto rapidamente i nostri MP, tanto che in pochi secondi ci ritroveremo a dover combattere senza poter usare magie. Una buona idea per non farli andare sprecati è lanciare immediatamente, ad inizio battaglia, una combo di Apoteosi, che ridurrà sensibilmente la vita del mostro. Durante la battaglia il boss non tarderà a infliggerci vari status negativi: possiamo prevenirli con la magia Reflex, oppure, se ci sentiamo poco sicuri, rimuoviamoli con gli oggetti. Quando il nostro stato di salute sarà buono, attacchiamo a tutto spiano! All'incirca a metà battaglia Rafflesia invocherà in suo aiuto dei Molboro: possiamo cautelarci eliminandoli tempestivamente, oppure continuare ad attaccare il nostro obiettivo principale.

Una volta sconfitto il Boss, ci ritroveremo nel Giardino dei Profumi. Come prima cosa torniamo indietro per salvare il gioco e ripristinare i nostri MP, dopodiché facciamo ritorno nel Giardino e dirigiamoci verso Sud fino ad arrivare al Sentiero della magia bianca. Spostiamoci ancora verso Sud, apriamo la giara del tesoro per ottenere la Candela stregata, che ci permetterà di vedere nuove zone all'interno della foresta, e continuiamo ad avanzare. Ci ritroveremo alle Nevi della Saggezza.
In questa zona sono presenti diversi altari: entriamo nel primo che ci troveremo davanti e tocchiamo l'emblema stregato per far comparire l'illusione di un oasi. Incamminiamoci in quella direzione per trovare il successivo altare; una volta fatto avremo raggiunto la zona successiva: Oltre il pensiero. La zona funziona alla stessa maniera della precedente, quindi ripetiamo il procedimento fino a ritrovarci davanti alla Porta dello stregone. Invochiamo Belias ed esaminiamo la porta con l'invocatore. Benvenuti a Giruvegan!


Giruvegan
Per prima cosa avanziamo verso Ovest per salvare il gioco dal Telecristallo. Continuiamo poi a muoverci lungo la medesima direzione per toccare il traslatore e successivamente affrontare il guardiano del posto, Dedalo.

Dedalo
Livello 42
HP: 65.644
EXP: 0 - LP: 33

Strategia: Andiamo all'assalto all'arma bianca; Dedalo non è molto forte e non dovrebbe costituire una reale minaccia per la nostra squadra. Unica preoccupazione: facciamo attenzione al suo attacco Finimondo! Se appare la scritta, e contemporaneamente ci troviamo ad avere pochi HP, affrettiamoci a schierare in campo le riserve da usare come barriera, quindi reinseriamo la squadra principale per porre a termine il combattimento.

Al termine dello scontro un traslatore apparirà dinnanzi a noi: utilizziamolo per teletrasportarci nella zona Cavedio di Trimala. Qui scendiamo lungo la rampa a Sud rispetto al nostro punto di arrivo, eliminiamo i tre Behemoth che troveremo davanti e tocchiamo l'Altare Avrion. Continuiamo a scendere lungo la medesima direzione fino ad arrivare alla terza piattaforma: tocchiamo ora l'Altare Ktes. Risaliamo verso Nord e dirigiamoci all'incirca a metà della scalinata per superare la porta Ktes, ora aperta dopo l'aver azionato l'omonimo altare. Continuiamo quindi a muoverci lungo le scalinate (il percorso è uno solo) per ritrovarci dinanzi al nulla... facciamo un passo nel vuoto e continuiamo lungo la striscia invisibile per arrivare al Cavedio di Awda.
Il meccanismo della zona è identico a quello precedente: dovremo attivare i vari altari sparsi nella zona per aprire le omonime porte, con l'unica differenza che stavolta il lavoro sarà molto più lungo e noioso. Proseguiamo muovendoci in direzione Sud-Ovest considerando la mappa (in pratica continuiamo dritti rispetto al punto in cui ci troviamo), per attivare l'Altare Paron. La porta che abbiamo davanti a noi non si aprirà (sarebbe troppo facile) per cui continuiamo in direzione Nord-Est seguendo il percorso obbligato, fino ad arrivare all'Altare Parelthon. Tocchiamolo, quindi svoltiamo l'angolo e continuiamo a muoverci verso Sud-Ovest fino a raggiungere l'Altare Mellon. A questo punto possiamo o tornare indietro e finalmente passare alla prossima zona, oppure rimandare il tutto di qualche secondo, perché proseguendo verso Sud è possibile trovare una giara del tesoro. Una volta recuperati i preziosi, dirigiamoci verso Nord-Ovest: camminiamo nuovamente nel vuoto ed oltrepassiamo il confine per arrivare al Cavedio di Halmika. Assistiamo al veloce intermezzo e, non appena avremo nuovamente il controllo dei personaggi, assicuriamoci di salvare il gioco.
Superiamo la barriera 3 Hemera e raggiungiamo la zona Porta del fuoco. Giriamo a sinistra ed incamminiamoci lungo la salita, poi giriamo a destra e proseguiamo ancora. Non appena il muretto verde, che ci affianca, sarò finito, giriamo a destra e lanciamoci nel vuoto. Comparirà il classico ponte verde, e alla sua fine un boss ci attaccherà.

Geodrago
Livello 43
HP: 180.428
EXP: 0 - LP: 33

Strategia: Geodrago è un mostro estremamente resistente, con un alto numero di HP. Insomma, un duro scoglio per le squadre di basso livello, senza contare che un campo di forza renderà impossibile l'utilizzo delle tecniche. Prestiamo attenzione ai suoi attacchi, capaci di infliggere quasi 2.000 HP di danno a personaggio, e sfruttiamo invece la debolezza che il boss ha per l'elemento Gelo: utilizziamo quindi le magie apposite oppure armi intrise di quell'elemento.

Una volta sconfitto apparirà un traslatore che ci trasporterà al Grande Cristallo! Ci ritroveremo su di una piattaforma: muoviamoci verso sinistra e facciamo comparire la strada nel vuoto. Proseguiamo sull'unica strada possibile fino ad arrivare al Traslatore VII, ed usiamolo per arrivare nella zona Super Meta Carbo. Qui prendiamo l'uscita a sinistra rispetto ai nostri personaggi per arrivare a Connex Cancro, quindi utilizziamo l'Altare del Cancro e torniamo indietro fino al Super Meta Carbo. Imbocchiamo il secondo sentiero a sinistra e successivamente proseguiamo per l'unico sentiero disponibile fino ad arrivare al Traslatore V. Utilizziamolo per teletrasportarci alla Porta dei Pesci, poi prendiamo il percorso a sinistra e proseguiamo per l'unica strada disponibile fino ad arrivare all'Altare dei Pesci. Azioniamo anche questo altare e torniamo indietro. Giunti nuovamente nei pressi del Traslatore IV varchiamo la prima uscita a sinistra e raggiungeremo il Traslatore III: tocchiamolo per arrivare così al Cuore del cristallo. Dopo aver assistito alla scena di intermezzo salviamo il gioco al Salvocristallo, e tocchiamo il Traslatore I.
Superiamo la Barriera 2 Minas e prepariamoci ad affrontare il potente Esper Shemhazai!

Shemhazai
Livello 45
HP: 91.136
EXP: 0 - LP: 47

Strategia: Apriamo le danze utilizzando subito Dispel per rimuovere lo Status positivo Haste dall'Esper. Prepariamoci a farci infliggere lo Status Mutismo, e predisponiamo eventualmente un Gambit apposito per curarci con gli oggetti appena sorgerà la necessità. Facciamo attenzione nell'utilizzare armi abbinate ad elementi: Shemhazai può cambiare elemento a proprio piacimento, e di conseguenza può rendersi in grado di assorbire i nostri attacchi. Preferiamo quindi ricorrere ad attacchi fisici con armi neutre, per non rischiare. Teniamo costantemente i nostri HP ad un livello alto per essere sicuri di poter affrontare l'attacco Flare. Oltre a questo non dovremmo avere problemi. Finito il combattimento avremo ottenuto un nuovo Esper!


Shemhazai di Sagitter


Nella sala successiva leggiamo l'iscrizione, tocchiamo il Traslatore Celeste, quindi godiamoci tutti i filmati che seguiranno! Una volta ottenuta la Spada del Patto utilizziamo il Traslatore Terreno per materializzarci nella Porta della Terra. Dopodiché ricorriamo al Telecristallo in zona per dirigerci a Balfonheim.


Balfonheim
Arrivati a Balfonheim dirigiamoci in Via Sascio, all'estremo Ovest della mappa, e parliamo con il pirata di guardia proprio in fondo alla via per accedere alla residenza di Reddas. Finita la sequenza di filmati ci ritroveremo con due importanti novità: avremo un nuovo ospite in squadra e avremo nuovamente a disposizione la Strahl! Una volta ultimati i preparativi per la partenza dirigiamoci all'Aerodromo, nella zona Sud-Est della città, rechiamoci al check-in dei voli privati e comunichiamo alla hostess presente che siamo pronti ad imbarcarci. Potremo poi selezionare la nostra destinazione, che in questo caso sarà le Cascate di Ridorana. Oltre che dall'Aerodromo potremo salire sull'aeronave anche dall'Attracco della Strahl, presente in prossimità di Tele e Salvocristalli. Prima di lasciare la zona possiamo, a nostra discrezione, perdere un po' di tempo per occuparci di qualche missione secondaria, cercando inoltre di rifornirci di qualche bell'oggetto. Arrivati alla Cascate saliamo per i gradini, salviamo il gioco presso il Salvocristallo ed entriamo nella zona Giardino del Passato, facendo attenzione alle trappole presenti nella zona. Imbocchiamo l'uscita verso Nord per ritrovarci nella Città dei giorni fuggiti, quindi proseguiamo lungo la strada principale fino ad arrivare al Cammino del Timore dove, dopo una miriade di trappole, troveremo un Salvocristallo. Continuiamo per arrivare al Faro.


Faro di Ridorana
di "Hydryal" (profilo) - Incontreremo un boss non appena avremo messo piede a terra. Ci conviene prepararci a dovere, quindi impostiamo dei Gambit per rimuovere gli Status alterati che ci lancerà contro, tra i quali Veleno, Virus e Lentezza. Vediamo più nei dettagli con chi abbiamo a che fare.

Hydro
Livello 47
HP: 203.800 - MP: 999
Forza: 45 - Pot Magica: 30
Vigore: 90 - Velocità: 23 - Attacco: 78
Dif Fisica: 28 - Dif Magica: 29 - Destrezza: 0
EXP: 0 - LP: 35
Punti Clan: 6930 - Guil: 0

Strategia: Trattasi di un Boss Non - Morto, in grado di dimezzare i danni arrecati da tutti gli elementi e si assorbire completamente quelli di elemento Oscuro. Fa eccezione solo l'elemento Sacro, a cui Hydro è particolarmente debole, e che ci permetterà di raddoppiare i danni inflittigli (l'ideale sarebbe quindi avere un'arma equipaggiata con uno status extra "Sacro", visto che a questo punto del gioco non abbiamo ancora la possibilità di usufruire della magia"Sancta"). In questa battaglia possiamo utilizzare due strategie differenti.
Prima tattica - Attiviamo Haste e Protect, ed impostiamo i Gambit di modo da automatizzare l'utilizzo delle Panacee (assicuriamoci di avere tutte e 3 le Licenze sulla scacchiera relative, appunto, alle Panacee) che ci serviranno per rimuovere lo Status "Sentenza", e dei Vaccini, utili per curare lo status Virus. Come accessori da indossare, saranno molto utili l'Anello di Tormalina o le Scarpe di Quismot, che prevengono, rispettivamente, gli status Veleno e Crisi. Se disponiamo anche di una Maschera Nera, non dimentichiamo di indossarla! Diamo inizio alle danze lanciando al nostro avversario Dispel e Slow, e cominciamo l'assalto ricordandoci sempre di non impugnare armi di elemento Oscuro. Prestiamo attenzione all'attacco Pauraga del Boss, che è in grado di risucchiare un gran numero di MP ai personaggi in campo: in tal caso ricorriamo ad un etere o alla tecnica Carica per ripristinare subito la nostra Riserva Magica. Stiamo in guardia anche contro l'attacco "Maledizione", che infligge un gran numero di status alterati, comunque rimovibili con la magia Esnaga o grazie alla Panacea. Verso la fine del combattimento, Hydro lancerà Bio e Darkara. Quando i suoi HP scenderanno sotto il 20%, giochiamo il tutto per tutto attivando su un personaggio (quello la cui Forza è maggiore) lo status Furia (si ottiene lanciando sul personaggio una Grappa di Bacco, facilmente reperibile al Porto di Balfonheim, al Negozio Vivace). In alternativa, facciamo scendere in campo le Riserve e lanciamo una bella Combo di Apoteosi!
Seconda tattica - Questa strategia ci permetterà di disfarci del Boss in pochi minuti e con il minimo sforzo. Vediamo come fare: al Porto di Balfonheim procuriamoci il Gambit "Sé", nel caso in cui non avessimo già provveduto, ed il Gambit "Alleato in status Reflex". Per quanto riguarda le armi, personalmente ho utilizzato il Fomalhaut, un Fucile che si ottiene dopo avere sconfitto il ricercato Antoleon: trattandosi di un'arma a gittata sarà molto utile non tanto contro Hydro ma soprattutto per i prossimi Boss. Impostiamo i Gambit prima citati in questo modo:

Gambit "Sé" → Reflex
Gambit "Alleato in status Reflex" → Energida


Una volta al cospetto del Boss, attiviamo i Gambit ancor prima che la barra del Mostro sia completa ricordandoci di mettere in Off tutti gli altri Gambit, e tenendo a mente che a Reddas, trattandosi di un Ospite, dovremo lanciare Reflex manualmente. Questo piccolo accorgimento sarà sufficiente ad assicurarci la vittoria, poiché in men che non si dica la barra energia di Hydro precipiterà vertiginosamente. Sconfitto il nostro avversario, disattiviamo i 2 Gambit ed impostiamoli tutti su Off fino a quando non sarà scomparso l'effetto Reflex (non preoccupiamoci, non entrerà nessuno nella stanza); dopodiché ripristiniamo i nostri usuali Gambit e procediamo.

Spostiamoci verso Est, e saliamo per i gradini che ci porteranno al cospetto di un immenso cancello dorato. Avrà inizio un filmato d'intermezzo, al termine del quale potremo varcare la soglia del cancello per ritrovarci nel livello dei Primordi. Usiamo il Telecristallo sulla sinistra per salvare la posizione e ripristinare i livelli della squadra. Imbocchiamo adesso i gradini a Sud del Traslatore ed addentriamoci nel "Labirinto dei Primordi". Tutto ciò che dovremo fare è uccidere quanto più mostri ci è possibile per poter ottenere 3 Perle Nere. Non tutti i mostri, purtroppo, droppano delle Perle Nere, ma ce ne accorgeremo subito grazie al simbolo "!" che apparirà sullo schermo a segnalarci la presenza del prezioso oggetti nelle vicinanze: avviciniamoci rapidamente alla fonte e tocchiamola per entrarne in possesso, prima che svanisca nel nulla. Se i Gambit preimpostati dovessero disturbare la nostra raccolta, magari impegnando il leader in una azione automatica impedendoci così di raccogliere la Perla Nera, provvediamo a disattivarli temporaneamente dal menu di battaglia. Proseguiamo nella nostra esplorazione impossessandoci dei tesori che troveremo lungo la via, compresa la mappa della Base del Faro: la troveremo raggiungendo l'angolo Sud-Ovest del Labirinto e proseguendo verso il confine Sud della zona fino all'angolo più ad Ovest del corridoio centrale. Mentre girovaghiamo nel labirinto assicuriamoci di recuperare uno dei tesori più interessanti di quest'area, ossia la Maschera Bianca, che per la precisione si trova nella sezione Nord del Labirinto: ha un alto livello di Dif Magica ed è in grado di assorbire l'elemento Sacro.
Non appena saremo entrati in possesso delle 3 Perle Nere, il nostro compito sarà quello di collocarle sui 3 altari disseminati nella zona (l'ordine in cui lo faremo non è assolutamente rilevante). Dirigiamoci al nel lato Sud-Est del Labirinto per accedere al settore orientale della zona: una volta qui muoviamoci verso destra e continuiamo a seguire il percorso fino a quando non ci ritroveremo al cospetto di uno dei tre Altari del Sigillo Nero. Leggiamo la misteriosa epigrafe e, dopo aver esaminato l'Altare, selezioniamo la voce "Uso una Perla Nera". Fatto ciò, dirigiamoci verso il settore meridionale del Labirinto dei Primordi: qui troveremo un secondo altare, ed anche qui dovremo utilizzare la Perla Nera in nostro possesso. Per finire, saliamo per i gradini a Nord del Traslatore, raggiungiamo il settore settentrionale del Livello dei primordi ed usare la terza ed ultima Perla sul terzo ed ultimo altare. Completata la triade, il "Sigillo Nero" si dissolverà.
A questo punto sarebbe bene ritornare al Livello dei primordi per salvare la posizione di gioco e recuperare le energie della squadra al Telecristallo, visto che le prossime battaglie potrebbero rivelarsi abbastanza ardue. Quando ci sentiamo pronti raggiungiamo il lato orientale del Labirinto fino a raggiungere la "Camera Nera" (sulla mappa contrassegnata dalla solita icona del punto esclamativo all'interno di un rombo rosso). Giunti sul posto, ci ritroveremo dinanzi ad una porta con su inciso un disegno blu luccicante: leggiamo l'iscrizione, dopodiché varchiamo la soglia e ci ritroveremo in una sorta di ambiente soprannaturale, chiamato "Deserto delle Dune del Vento alieno". Dirigiamoci verso la cima della collina, e prepariamoci ad affrontare Pandaemonium, il nostro prossimo avversario.

Pandaemonium
Livello 45
HP: 116.678 - MP: 999
Forza: 46 - Pot Magica: 29
Vigore: 92 - Velocità: 20 - Attacco: 83
Dif Fisica: 33 - Dif Magica: 31 - Destrezza: 0
EXP: 0 - LP: 65
Punti Clan: 6120 - Guil: 0

Strategia: Si tratta di un Boss dalla forma di una tartaruga gigante, immune ai seguenti elementi: Fuoco, Tuono, Ghiaccio, Acqua, Sacro e Oscuro. E' in grado anche di assorbire l'elemento Terra mentre il suo opposto, ossia l'elemento Aria, è in grado di infliggergli il doppio del danni ordinari. L'ideale sarebbe quindi avere un'arma equipaggiata con uno status extra "Aria", oppure fare ricorso all'uso della magia Aero/Aeroga. Apriamo le danze usando Dispel per eliminare gli status positivi del nostro avversario, quindi passiamo l'attacco sfruttando la sua debolezza all'Aria tempestandolo con la magia Aeroga o con armi elementali appropriate. Equipaggiamo il nostro personaggio fisicamente più vigoroso con un'arma di questo elemento, lanciamo su di lui Audacia e Furia (o impostiamo dei Gambit appropriati) e teniamo pronti a curare gli status Pietrosi e Cecità con le magie e gli oggetti corrispondenti. Quando gli HP del mostro scenderanno sotto al di sotto del 50%, Pandaemonium attiverà su di sé una sorta di barriera protettiva, in grado di vanificare ogni tipo di attacco sia magico che fisico. In questo caso cerchiamo di mantenere i membri del party il più possibile a distanza, così da evitare il suo attacco speciale "Rovesciata Poderosa", e dedichiamoci alla cura ed al potenziamento dei nostri eroi. Non appena la barriera cesserà di avere effetto, torniamo nuovamente all'attacco fino a quando non lo avremo definitivamente sconfitto.

Completato lo scontro, la scena riprenderà direttamente dalla Camera Nera. Rimettiamo in sesto i personaggi, se necessario corriamo in circolo per la stanza per recuperare MP oppure utilizziamo qualche Etere, Elisir/Megaelisir. Poi torniamo al Telecristallo dei Primordi, salviamo la posizione e dirigiamoci verso il Traslatore, adesso attivo: tocchiamolo e raggiungeremo la Loggia dei Primordi! Adesso varchiamo una delle due antiche porte e saliamo lungo i gradini ad Est: facciamo fuori i due Koja (ne incontreremo a bizzeffe) ed attraversiamo il ponte verde che si materializzerà alle loro spalle. Saliamo per le prossime 4 rampe, raggiungiamo il 14esimo piano e facciamo fuori gli altri due Koja che incontreremo sulla strada, per far sì che si formino due pezzi del prossimo ponte verde. Per completare il ponte, saliamo al 15esimo piano ed abbattiamo il Koja nell'alcova laterale, dopodiché proseguiamo lungo il corridoio lì vicino e distruggiamo l'ennesimo Koja posto in fondo al passaggio. Adesso torniamo giù, al 14esimo piano, ed attraversiamo il ponte verde finalmente completo. Proseguiamo poi verso l'alto per raggiungere la Loggia dei Primordi 2 dove, naturalmente, ci attende un altro squadrone di Koja. Continuiamo a salire fino al 20esimo piano, eliminiamo il Koja che ci si parerà davanti ed entriamo nella camera a Nord per far fuori un'altro Koja, che troveremo nel passaggio Ovest. Torniamo poi allo scalone centrale, saliamo sino al 21esimo piano e facciamo fuori il Koja sul pianerottolo, quindi proseguiamo fino al 25esimo piano per abbatterne altri 3 così da completare il ponte. Oltrepassiamo il ponte appena formatosi, saliamo lungo i gradini a Sud e raggiungiamo il 28esimo piano e, con esso, la Loggia dei Primordi 3. Proseguiamo ancora e saliamo fino al 29esimo piano, dove dovremo distruggere - sorpresa sorpresa - altri 3 Koja. Continuiamo a salire sino al 30esimo piano, dove dovremo varcare l'antica porta con un simbolo rosso sul lato destro: all'interno troveremo un altro Koja, in fondo al passaggio. Facciamo ritorno alla scala principale e saliamo i gradini ad Est: facciamo attenzione ad ignorare i Deidra in cui ci imbatteremo, dall'aspetto molto simile ai Koja ma dal colore rosso piuttosto che verde. Il motivo è semplice: i Koja ci permettono di costruire segmenti dei ponti verdi necessari per poter proseguire; i Deidra, invece, permettono la costruzione dei ponti di colore rosso che portano a zone con dei tesori. Tuttavia, se tra un Koja e l'altro dovessimo eliminare un Deidra, perderemmo i segmenti verdi sinora creati, e dovremo ricominciare dall'inizio! La miglior tattica da seguire, dunque, è questa: uccidiamo prima tutti i Koja della zona ed attraversiamo i ponti verdi che verranno a formarsi. Noteremo infatti che, oltrepassando completamente i ponti verdi, questi si solidificheranno, divenendo di pietra grigia, e non scompariranno più. A questo punto saremo liberi di tornare sui nostri passi e occuparci dei Deidra per trovare i tesori.
Una volta raggiunto il 30esimo, eliminato il Koja al di là della porta, saliti i gradini ad Est a partire dalla scala principale, rigorosamente ignorando i Deidra incontrati lungo la via, potremo attraversare la porta che ci ritroveremo dinnanzi ed eliminare altri 2 Koja. A questo punto attraversiamo il nuovo ponte verde e, da qui, raggiungiamo il 32esimo piano, assicurandoci sempre di far fuori tutti i Koja che incontreremo e di ignorare sistematicamente i Deidra. Teniamo d'occhio Reddas, che potrebbe decidere di attaccare autonomamente: in tal caso ricorriamo al tasto R2 per fuggire e allontaniamoci dalla battaglia, per interrompere gli attacchi del nostro ospite. Se necessario, ricorriamo a Morfeo per addormentarlo. Proseguiamo ancora fino al 34esimo piano: lungo il corridoio rettangolare di questo livello e di quello successivo incontreremo, tanto per cambiare, numerosi Koja. Distruggiamoli tutti, ed attendiamo 60/90 secondi affinché ricompaiano, quindi eliminiamoli nuovamente sino ad arrivare a quota 10. In tal modo riusciremo a completare il ponte del 35esimo piano che, rispetto a quelli precedenti, è più lungo. Attraversiamo il ponte e raggiungiamo la sponda opposta, dove dei gradini ci condurranno alla "Loggia dei Primordi 4". Il ponte da creare adesso richiede soltanto 3 Koja. In teoria potremmo anche eliminare i primi due, oltrepassare la zona correndo e sbarazzarci del terzo ed ultimo Koja davanti al ponte, per completarlo; tuttavia, se preferiamo racimolare punti esperienza, possiamo anche raggiungere il 38esimo piano e far fuori il Koja lì presente (ignoriamo sempre i Deidra) prima di proseguire verso la prossima rampa che ci condurrà al 40esimo piano. Una volta qui, spingiamoci verso il complesso di stanze a Nord-Est per uccidere altri 2 Koja, poi proseguiamo fino al 41esimo piano di fianco al Deidra ed ancora sino al 42esimo per eliminare un ulteriore Koja. Nel 43esimo livello ne troveremo un altro, in agguato sulla sinistra. Questa zona è piuttosto pericolosa, perché potremo trovare ad attenderci anche uno o due Aironet: assicuriamoci di affrontarli quando non ci sono altri nemici nei paraggi, o le cose potrebbero farsi complicate. Appena saremo pronti a proseguire oltre, raggiungiamo il 45esimo piano, sbarazziamoci dei 2 Koja nella Stanza dell'Arcano di Luce, dopodiché saliamo lungo le scale ad Est ed arriveremo al 46esimo piano, dove dovremo uccidere l'ennesimo - ultimo - Koja ed attraversare finalmente il ponte raggiungendo la sponda opposta. Dal 46esimo piano saliamo fino al livello successivo, sconfiggiamo l'Aironet in agguato, e raggiungiamo il 48esimo piano: qui ci ritroveremo al cospetto di una antica porta che ci permetterà di accedere al "Livello dell'Ascesa". Dietro l'angolo troveremo un Salvocristallo: salviamo i progressi di gioco e rimettiamo in forze i nostri guerrieri. Quando siamo pronti a ripartire percorriamo il cerchio in senso antiorario e saliamo per i gradini della stanza a Sud-Ovest; proseguiamo fino in cima ed oltrepassiamo l'Antica Porta per raggiungere il "Confine dell'Ascesa". Qui saliamo lungo i gradini e facciamoci strada fino all'Antica Porta successiva: varchiamola e prepariamoci ad affrontare il prossimo Boss, Sharit.

Sharit
Livello 47
HP: 92.661 - MP: 999
Forza: 45 - Pot Magica: 23
Vigore: 92 - Velocità: 25 - Attacco: 84
Dif Fisica: 28 - Dif Magica: 28 - Destrezza: 3
EXP: 0 - LP: 36
Punti Clan: 3780 - Guil: 0

Strategia: Sharit è immune a Tuono, Ghiaccio, Terra, Aria e Sacro, ed è in grado di assorbire l'elemento Acqua. Come al solito, invece, il suo opposto - l'elemento Fuoco - gli infliggerà il doppio dei danni usuali, per cui facciamo in modo di equipaggiare un'arma con status extra Fuoco, e teniamo sempre pronte le magie Fira e Firaga. Questo scontro sarà piuttosto semplice, tanto che potremo anche evitare di usare Dispel per annullare lo status Rigene del Boss. Limitiamoci a lanciare Olio sul nostro avversario e tempestiamolo con Fira e Firaga: Sharit soccomberà in men che non si dica. Se vogliamo fare tutto in automatico, disattiviamo i soliti Gambit ed impostiamo questi due:

Sé → Reflex
Alleato in Status Reflex → Firaga


Sbarazzatici di Sharit, riprenderemo il gioco direttamente dal "Confine dell'Ascesa". Disattiviamo i Gambit relativi a Reflex e assicuriamoci di mantenerli tutti su Ogg fino a quando non sarà svanito l'effetto del Reflex; dopodiché riattiviamo i nostri soliti Comandi, e proseguiamo oltre. Dal confine dell'Ascesa lasciamo la stanza dalla porta a Est ed usiamo il Traslatore dopo i gradini per teletrasportarci al "Centro del Faro": facciamo attenzione perché se tenteremo di usare il traslatore per tornare alla Base del Faro verremo invece teletrasportati al livello dei Primordi, e saremo costretti a risalire a piedi fino a questo punto.


  Continua  -  Parte VII



    La Strategia contiene un errore? Segnalalo qui.

[  Versione per la stampa    [  Versione estesa  ]