Circa un mese fa vi abbiamo mostrato i documenti pubblicati da Square-Enix sulle future strategie di vendita della compagnia che, visti gli ottimi risultati di vendita offerti da Final Fantasy XV e Rise of the Tomb Raider, ha deciso di consolidare la propria impostazione di mercato: 1-2 “grossi titoli” per anno fiscale, attorniati da una serie di “titoli minori” (tra cui giochi per smartphone, ma anche porting e in generale imprese meno “impegnative” sul piano dello sviluppo).

Oggi Square ha diffuso una versione leggermente più dettagliata di quegli stessi documenti, corredata da alcuni interessanti commenti della software house. 



Con particolare riguardo a Final Fantasy VII Remake e Kingdom Hearts III, sappiamo già che Square li aveva collocati tra i “grossi titoli” in uscita nell’anno fiscale 2018 e oltre. Anno fiscale 2018 che, ricordiamo, per le aziende giapponesi è già iniziato l’1 Aprile 2017 e si concluderà il 31 Marzo 2018. 

La nuova nota aziendale relativa a FFVII Remake e KHIII ci rivela che l’intento di Square-Enix è pubblicare i titoli listati sotto la voce “anno fiscale 2018 e oltre” entro i prossimi 3 anni, “o giù di lì”. La deadline approssimativa fissata da Square-Enix per questo blocco di titoli è dunque l’anno 2020.



E’ molto probabile che la compagnia non intenda sovrapporre i suoi 2 giochi potenzialmente più redditizi nello stesso anno fiscale. Inoltre, considerando che Final Fantasy VII Remake sarà suddiviso in più Parti, è ben possibile che sia lui il primo a vedere la luce, seguito poi da Kingdom Hearts III.

Ricordiamo inoltre che entrambi i progetti sono attualmente affidati a Tetsuya Nomura, director della saga Kingdom Hearts e celeberrimo character designer di numerosi capitoli Final Fantasy, che si è fatto conoscere e apprezzare (ma talvolta anche criticare) nell’ambiente degli sviluppatori per una spiccata dose di perfezionismo. La speranza condivisa è che nessuno dei due masterpiece in sviluppo subisca gli intoppi che purtroppo hanno afflitto Final Fantasy XV (ev Versus XIII), costringendo Hajime Tabata ad intervenire in corso d’opera e correre in fretta ai ripari. 


 


Sembra, però, che il sempre-adolescente Nomura abbia imparato dai propri errori, come testimoniato da un recente comunicato diffuso proprio da Nomura, Kitase e Hamaguchi, che intendono potenziare il team di sviluppo di FFVII Remake, incrementando il numero dei componenti per ridurre il più possibile i tempi di sviluppo

 

Rinoa Heartilly

Rinoa Heartilly

Il mio nome è Anna e ho creato il Rinoa's Diary nell'ormai lontano 2001, stregata (ha-ha) dall'ottavo capitolo Final Fantasy. Da quel momento, l'amore per la saga non mi avrebbe più abbandonata.

Lascia un commento