Danni collaterali

Dopo la rocambolesca fuga del reattore, ci ritroveremo in un tunnel di servizio semidistrutto. Mentre Jessie si interroga sull’inaspettata potenza erogata dalla bomba che aveva preparato, attraversiamo nei panni di Cloud lo stretto corridoio tra i detriti. Preleviamo 2 Pozioni dal forziere e continuiamo a seguire il gruppo fino a quando Jessie libererà l’uscita con dell’esplosivo. 

Una volta all’aperto ci accorgeremo che i danni procurati alla città sono anche maggiori di quelli che avevamo pessimisticamente immaginato. Terminato il discorsetto motivazionale di Barret, appropriamoci dell’Etere contenuto nel forziere e seguiamo i ragazzi per le scale. Proseguiamo per l’unico percorso disponibile fin quando non verremo fermati da Jessie che, spinta di giustificata gratitudine, deciderà di regalare a Cloud una Materia energetica.

Battle system e gameplay – Materie

Il sistema di materie del Remake prende spunto a piene mani da quello che ha reso famoso il classico del 1997. Equipaggiare le materie in uno slot armi o protezioni permette al giocatore di poter utilizzare in battaglia una determinata magia, abilità o effetto passivo. Il tutorial ci guiderà passo passo all’inserimento della materia appena regalataci in uno slot libero lasciando a noi modo, in questa sede, di approfondire qualche dettaglio chiarificatore esaminando le caratteristiche comuni a tutte le materie presenti in gioco.

Tutte le Materie inserite in uno slot armi o protezioni sono in grado di acquisire PA (Punti Abilità) dopo ogni battaglia. Accumulato un determinato quantitativo di PA, la Materia in questione si evolverà (comparirà un avviso a schermo) acquisendo nuove potenzialità o caratteristiche. Il numero di evoluzioni che una Materia può compiere è indicato dal numero di stelle accanto al nome della stessa. Nel caso della materia che ci è stata appena regalata ad esempio, essa si evolverà 3 volte dandoci la possibilità di attivare in battaglia progressivamente le magie Energia (base), Energira, Rigene ed Energiga. Durante i combattimenti sarà possibile lanciare la magia corrispondente ad una di queste evoluzioni a nostra discrezione. Infine è utile far notare come alcune materie, una volta equipaggiate, possano influire leggermente sui parametri del personaggio.

Vecchi nemici

La materia che ci è stata regalata ci permetterà di usare magie curative per ripristinare i PV. Tuttavia al momento eviteremo di usare Energia per curarci avendo a disposizione tante Pozioni e potendo quindi utilizzare più proficuamente i PM per le magie offensive. Tuttavia manteniamo la materia equipaggiata per permetterle di iniziare ad acquisire PA.

Dopo averci regalato anche un Etere e 2 Granpozioni, Jessie schizzerà via lasciandoci liberi di girovagare tra le macerie. Dritto davanti a noi potremo prelevare 50 guil dal forziere vicino al portone. Proseguiamo verso nord fin quando Jessie, in alto, non ci indicherà la scalinata per la quale proseguire. Non appena saliti apriamo il forziere per ottenere 3 granate e proseguiamo sulle macerie finché queste ultime non ci crolleranno sotto i piedi. Proseguiamo ancora verso nord e poi ad ovest verso l’indicatore di destinazione per assistere ad un altro crollo che ci impedirà di proseguire. I mal di testa di Cloud peggiorano a vista d’occhio e si accompagnano adesso a visioni di villaggi in fiamme e di Soldier leggendari. Riacquisito il controllo, trasciniamoci dietro Sephiroth fin dentro il vicolo per assistere ad un interessante discorso sull’importanza dei ricordi e di salvare il pianeta.

Torniamo brevemente sulla strada principale per notare che il percorso verso la stazione è ostruito dalle macerie. Proseguiamo quindi per il vicolo ad est e saliamo sulle scale metalliche fino a raggiungere i tetti. Dopo una brevissima panoramica sul reattore esploso, continuiamo lungo il percorso, appropriamoci delle 3 Pozioni dal forziere e scendiamo le scale per imboccare il Corso Loveless. Al momento non possiamo proseguire verso sud est a causa della presenza delle guardie quindi muoviamoci provvisoriamente dalla parte opposta. Ci attendono nuovi mal di testa e nuove visioni inquietanti ma anche un incontro estremamente desiderato. Non capita tutti i giorni che una donna ci regali un fiore; scegliamo senza troppi pensieri tra le opzioni disponibili a schermo perché alla fine ci ritroveremo comunque col fiore “all’occhiello” (se ci mostreremo restii all’acquisto del fiore assisteremo a qualche frase extra). Fatta la conoscenza dei Numen che faranno scappare via Aerith, dovremo affrontare i 5 Soldati che nel frattempo avremo allertato. Visto il nutrito numero di nemici, l’occasione ci è gradita per sperimentare alcuni oggetti offensivi molto utili in queste circostanze.

Consigli rapidi – Le granate

Le granate che è possibile trovare nei forzieri o come ricompensa dai nemici uccisi, sono utilizzabili dal sottomenu Oggetti sacrificando una segmento ATB e fanno un danno fisso di 200 PV a tutti i nemici coinvolti nel raggio della loro esplosione. In questo momento di gioco tali danni bastano e avanzano per liberarsi di più soldati in un solo colpo risparmiando tempo e risorse. Non manchiamo quindi di utilizzarle in presenza di gruppi nutriti di nemici per ottimizzare le nostre offensive.

Appena ci saremo sbarazzati dei nemici, torniamo indietro verso est, oltrepassiamo le transenne e affrontiamo un altro gruppo misto di 2 Soldati e un Segugio per poter raccogliere una materia Vitale vicino al furgoncino giallo. La materia Vitale è una materia di tipo Indipendente (caratterizzate dal colore Viola) che permette di aumentare i PV massimi di una percentuale sempre maggiore man mano che la materia si evolverà. Non abbiamo slot materia liberi al momento quindi proseguiamo tornando sui nostri passi verso ovest. Dentro il vicolo a nord, dove abbiamo visto fuggire Aerith, un forziere ci donerà una Granpozione. A sud invece ci attendono altri 3 Soldati da eliminare in scioltezza e una materia Aggirante nei pressi di un’auto grigia. Quest’altra materia Indipendente se equipaggiata ci consente di effettuare un rapido Contrattacco ad area (pulsante Quadrato) dopo aver compiuto una schivata. Svoltando a sinistra al bivio (verso est guardando la mappa), dovremo liberarci del Soldato accompagnato dai 2 Segugi per poter aprire il forziere in fondo, sul lato sinistro della strada, ed ottenere l’accessorio Polsiera potente. Gli accessori non posseggono slot materia ma sono sicuramente molto utili in battaglia; la Polsiera che abbiamo appena ottenuto, ad esempio, è in grado di aumentare il parametro Forza del 5%. Indossiamola subito dal sottomenu Equipaggiamento e materie.

Torniamo sulla via principale e proseguiamo fino alla piazza con la fontana. Ci attendono altri scontri contro Soldati e Segugi in veloce sequenza. A questi si aggiungeranno dei Granatieri e 2 Combattenti da affrontare con le dovute cautele (parate e contrattacchi in assetto pesante sono sempre molto utili). Conclusa la lotta prendiamoci un attimo di tempo per esplorare la piazza e distruggere tutte le casse di rifornimenti per recuperare PM e qualche Medaglia moguri. A sud est troveremo un forziere con 2 Granate e la scala a muro da utilizzare per salire sui tetti e proseguire. Prima di scendere dal percorso sopraelevato apriamo un ulteriore forziere contenente una Banda di ferro. Questa protezione, indossabile dal solito sottomenu, ci garantisce un aumento delle statistiche di difesa Magica e Fisica oltre che uno slot materia libero da occupare subito con la materia Aggirante trovata poc’anzi. Terminata la discesa ci ritroveremo di nuovo su strada.

Braccato…

Usciamo dalla grata metallica e proseguiamo a sud est per affrontare un nuovo tipo di nemico dotato di scudo, il Soldato antisommossa. Granate e parata in assetto pesante ci libereranno rapidamente la strada. La sezione di mappa che seguirà sarà piena di soldati vari da affrontare nei modi consueti. Nella foga della lotta però non dimentichiamo di raccogliere l’Etere dal forziere nel cortiletto sopraelevato a sud est. Quando il percorso virerà a sud facciamo attenzione a non tralasciare la brevissima deviazione a sinistra che, dietro un automezzo, nasconde un forziere contenente una Granpozione.

Dopo un breve filmato ci ritroveremo circondati da nemici di diverso tipo in gran quantità. Facciamo attenzione ai nostri PV in questo frangente, ripristinandoli quando scenderanno a meno della metà, ed eliminiamo gradualmente i nemici, iniziando da quelli più deboli, grazie alle Granate, alla materia Aggirante e alle nostre abilità migliori. Lasciamo per ultimo il Tenente Gonga (riconoscibile dallo scudo rosso) che avrà resistenza, attacco e PV superiori rispetto ai commilitoni che lo accompagnano. Accantoniamo l’utilizzo delle Granate e facciamo attenzione alla sua mossa Bastone stordente che non è parabile e ci lascerà completamente vulnerabili per un breve lasso di tempo. La magia Ignis, la parata in assetto pesante e un pizzico di pazienza saranno invece le nostre carte vincenti per questo ultimissimo scontro.

Messo alle strette, il nostro amico Cloud salterà su un treno di passaggio allontanandosi dalla zona di pericolo. Caso vuole che il treno in questione sia quello in cui i nostri amici di Avalanche stanno tornando a casa estremamente preoccupati dalle sorti del mercenario almeno finché Cloud non si esibirà in una entrata scenica. Dopo aver chiesto numi sui Numen (ditelo 10 volte velocemente se ci riuscite!), senza nessun risultato apprezzabile, il gruppo si sparpaglierà lungo i vagoni del convoglio.

Avanziamo lungo il percorso e facciamo attenzione, nel secondo vagone subito dopo la strettoia, perché ben nascosto c’è un forziere con 100 preziosi guil. Nel terzo vagone strapieno di gente accalcata come sardine potremo parlare con Wedge, Biggs e Jessie oltre che ascoltare le discussioni dei passeggeri inerenti all’attentato al reattore. Nel quarto vagone potremo assistere al pacifico e tranquillo scambio di opinioni tra Barret e alcuni dipendenti ShinRa che alla fine decideranno generosamente di liberarci tutti e tre i posti a sedere necessari alla mole di Barret.

Avvicinandoci infine a Jessie, in fondo, potremo assistere all’iconica scena in cui vedremo sullo schermo a parete la struttura della città di Midgar e il percorso elicoidale dei treni che viaggiano tra i diversi settori. Il riflessivo filmato che seguirà segnerà la fine di questo adrenalinico secondo capitolo.

Ruben

Ruben

Sono il vostro amichevole Vincenzo di quartiere. Il mio nick sul web è di solito Ruben o Ruben Shinra o anagrammi dello stesso. Mi piacciono i film e i videgames, in particolare quelli con una bella trama da narrare. Questo mi ha portato qui al Rinoa's, la passione per Final Fantasy e le sue storie. Qui collaboro per scrivere guide e, ultimamente, mi diletto nell'esporre meglio che posso i miei pensieri e le mie idee su Final Fantasy e tutto ciò che ad esso è legato.

Lascia un commento