L’evento Kingdom Hearts III International Premiere degli scorsi giorni ci ha rivelato graditissime sorprese sul terzo (attesissimo) capitolo della serie, soprattutto sul piano del gameplay – di cui, sino a questo momento, si era visto ben poco.

La demo predisposta da Square Enix ha consentito ai fortunati partecipanti di provare il titolo per circa un’ora – un’ora e mezza, prevalentemente esplorando le due sezioni del mondo di Toy Story (denominato “Toy Box“), mentre la sessione iniziale ambientata sul Monte Olimpo è parsa a tutti estremamente “guidata” nel suo svolgimento. Dopo una scalata “in verticale” alla volta del Titano, Sora si lancia infatti all’attacco del gigante roccioso: occasione per prendere confidenza con i comandi principali di gioco e soprattutto per sfoderare la magnificenza dell’Attraction Flow di turno, ossia il Big Magic Mountain Train.

Il mondo di Andy & co. si è dimostrato invece ben più variegato e soprattutto ha dato più spazio all’azione frenetica e spettacolare, tra trasformazioni del Keyblade, Limiti e Invocazioni. A proposito di Keyblade, la demo ha svelato la possibilità di cambiare arma nel corso delle battaglie, passando istantaneamente da un Keyblade all’altro. Considerando che ogni arma avrà particolari caratteristiche ed un suo personale set di attacchi (a distanza, ravvicinati, magici, fisici, eccetera), lo switch potrebbe condurre il giocatore ad un approccio di tipo strategico, adattando man mano le armi al contesto più opportuno. 

Per il momento, come vi avevamo già anticipato sulla pagina facebook, restano confermati il Keyblade del mondo di Toy Story (“Infinity Badge“), quello del mondo di Rapunzel (“Ever After“) e quello di Monsters Inc. (“Smile Gear“).

Un elemento che, invece, la demo non ha consentito di appurare è la presenza dei personaggi Final Fantasy, per lo meno nelle quantità e modalità a cui ci avevano abituato i precedenti capitoli numerati. Su questo specifico aspetto non possiamo fare altro che attendere nuove indiscrezioni (l’E3 2018 si avvicina!), ma è certo che i riferimenti alla saga non mancheranno, insieme a numerosi easter eggs introdotti nel gioco. 

La demo, in poco più di un’ora e mezza, ha regalato ai giocatori diverse curiosità, a cominciare dalla presenza, all’interno del Galaxy Toys, di un angolo dedicato a Dissidia Final Fantasy NT, con tanto di key arts in esposizione! L’immagine che segue ci mostra infatti le statue di Odino, Bahamut e Ifrit in tutto il loro splendore.

   

Un altro riferimento, questa volta un po’ più sottile, alla saga si ha in un dialogo tra Sora e il dinosauro Rex (personaggio di Toy Story). Quest’ultimo si riferisce a Sora chiamandolo Yozora (夜空), traducibile come “Cielo notturno“. Il nome “Sora” (空), come ha spiegato in più occasioni lo stesso Nomura, in giapponese significa proprio “Cielo”, mentre l’appellativo “Cielo notturno” sembrerebbe fare piuttosto riferimento al protagonista di Final Fantasy XV, Noctis Lucis Caelum

La demo ha svelato inoltre un’estrema cura anche nei dialoghi e nelle interazioni ambientali: ad esempio, colpendo un barile metallico contenente dell’elio, la voce dei personaggi cambierà temporaneamente tonalità ed il gruppo commenterà l’accaduto:

Sora: “Hey, what happened to my voice?”
Goofy: “Gawrsh, I sound funny too.”
Buzz: “Well, this certainly is embarrassing.”
Woody: “Hey, listen to this, Buzz! I sound like an alien.”

Altre curiosità sono state rinvenute in porzioni della demo di cui, però, non è ancora possibile parlare essendo ancora in vigore l’accordo di non riservatezza imposto da Square Enix. Con ogni probabilità avremo modo di approfondire il tutto in occasione dell’E3, se non nei giorni immediatamente precedenti.

Kingdom Hearts III è in sviluppo per PlayStation 4 e Xbox One, e arriverà sugli scaffali dei nostri rivenditori entro la fine del 2018

Rinoa Heartilly

Rinoa Heartilly

Il mio nome è Anna e ho creato il Rinoa's Diary nell'ormai lontano 2001, stregata (ha-ha) dall'ottavo capitolo Final Fantasy. Da quel momento, l'amore per la saga non mi avrebbe più abbandonata.

Lascia un commento