Ad un mese dall’uscita di Final Fantasy X|X-2 HD Remaster, Yoshinori Kitase (produttore del decimo capitolo) risponde ad alcune domande postale da Siliconera, noto portale ludico.

D: Final Fantasy X|X-2 HD Remaster ha avuto un lunghissimo tempo di sviluppo. Qual è stata la parte più complicata dell’update?

Kitase: La grafica, in special modo la VFX, era stata creata usando delle caratteristiche particolari dell’hardware PS2 al massimo potenziale; quindi anche con l’evidente superiorità delle specifiche PS3, il porting è stato ugualmente difficile. Abbiamo dovuto chiedere aiuto ad uno sviluppatore esterno per aiutarci a produrre il titolo, ma il team di sviluppo originale è stato sempre presente per revisionare parti dei dati quando questi venivano resi in HD.

D: Come si è evoluta la storia durante lo sviluppo? Qual è stata l’idea originale e quali cambiamenti sono stati effettuati per realizzare il FFX ed il FFX-2 che conosciamo oggi?

Kitase: Le prime idee iniziarono con un concept chiamato “Diciassette”, ed il tema era la storia di una persona che raggiungeva la fine della sua vita a 17 anni. Il tema della “morte inevitabile” sarebbe diventato il destino di Yuna in FF X.
Il concept di FF X-2 non è cambiato molto dall’inizio. Non ha la pesantezza del suo predecessore, ma un po’ più di “cool & pop” ricordando Charlie’s Angels.

D: Come vi è venuta l’idea del blitzball? Anche se era solo un minigioco, il blitzball era parecchio profondo se ci si passava il tempo a reclutare giocatori?

Kitase: Volevo inserire uno sport fittizio come una sorta di Pod Race visti in Star Wars: Episodio 1.Oltre a questo, in quel periodo, nel 2000, la nazione era eccitata riguardo la Coppa del Mondo che si svolgeva tra il Giappone e la Corea del Sud, e quindi il calcio divenne la base di questo gioco.

D: Prima che i trofei diventassero popolari, FF X lanciò la moda delle sfide che il giocatore dovevaottemperare, come schivare i 200 fulmini per potenziare l’arma celestiale di Lulu. Come avete pensato questi obiettivi extra e potete dirci qualcosa sui trofei di FF X|X-2 HD Remaster?

Kitase: In FF X, abbiamo raffigurato il viaggio verso nord dal villaggio di Besaid a Zanarkand senza possibilità di sidetracking, invece di un mondo che il giocatore può esplorare liberamente. E così, per ampliare l’esperienza di gioco, abbiamo deciso di incorporare vari mini giochi. C’era un team di 10 persone dietro a questi, e hanno usato al meglio la loro immaginazione [io però voglio il nome di quello che ha pensato il minigioco dei fulmini per lapidarlo, ndB]. Per i Trofei, arriveranno delle informazioni in futuro, quindi occhio alle notizie.

D: Kazushige Nojima ha realizzato un nuovo audio drama per Final Fantasy X | X-2 HD Remaster. Perché avete deciso di ambientarlo due anni dopo gli eventi di FF X-2 e perché avete scelto l’audio drama, un formato popolare in Giappone ma poco conosciuto in Occidente?

Kitase: Questo drama non ha il compito di raffigurare un particolare evento, ma è più una piccola sbirciatina alle loro vite dopo gli eventi di gioco.Non volevamo dare un’immagine particolare di quel periodo, per questo abbiamo deciso di darlo in formato “solo audio”, in modo che i fan abbiano spazio per usare l’immaginazione e di pensarlo come vogliono. Sarà possibile dare un occhiata alla vita di Yuna e dei suoi amici dopo gli eventi di FF X-2 nell’audio drama.

Ricordiamo che Final Fantasy X|X-2 HD Remaster uscirà il 26 Dicembre 2013 in Giappone, ed un giorno invernale imprecisato in Occidente, in esclusiva Playstation 3.

Brian Farey

Brian Farey

Sono Stefano, e la mia carriera videoludica inizia dal NES proseguendo con la Playstation. La conoscenza (e l'amore) con Final Fantasy scatta col settimo capitolo: da lì in poi inizio a ricercare e a studiare ogni singolo aspetto, passato e presente, della serie sulla fantasia finale. Ed è ciò che mi ha portato a scrivere per il più grande fansite italiano sulla saga. Apprezzo anche vari altri titoli videoludici (Yakuza e Metal Gear su tutti), vari anime, manga e musica in generale.

Lascia un commento