Come sappiamo, Final Fantasy VII Remake – o meglio, la prima parte di questo Progetto dai contorni ancora misteriosi – sarà ambientata tutta all’interno della città di Midgar, teatro delle iniziali vicende dell’originale settimo capitolo. Nel video “Inside FFVII Remake” che vi abbiamo mostrato ieri, il producer Yoshinori Kitase ci ha parlato dell’opera di espansione a cui è andata incontro la città, adesso arricchita di nuovi e più profondi contenuti, tanto da moltiplicare le ore di gioco necessarie al suo completamento, rispetto a quanto accadeva in FFVII. 

Chiesto di entrare più nei dettagli, Kitase ha dichiarato: 

Nell’originale Final Fantasy VII c’erano molte “interruzioni” nel gioco, ossia parti in cui lo schermo diventava nero e il gioco continuava in un luogo diverso. In altre parole, c’erano diverse parti intermedie, tra le varie sezioni di Midgar, date per “implicite” ma che non venivano mai effettivamente mostrate. Ecco, questo è un obiettivo che ci siamo prefissi di raggiungere con il Remake: colmare questi buchi, mostrare come le varie parti della città sono connesse per dare al giocatore un’esperienza di continuità

Anche Naoki Hamaguchi (Co-Director – Game Design/Programming) è intervenuto sul tema: 

Abbiamo dato a ciascuna sezione di Midgar uno specifico feeling, accompagnato dalla sua cultura e dalla sua comunità. C’è molta varietà all’interno della città, e il giocatore potrà davvero avere la percezione di chi siano gli abitanti e di come vivano in quei luoghi

Gli scorsi trailer ci hanno mostrato il Wall Market, apparentemente molto più vasto dell’originale, con i suoi personaggi e le sue “celebrità”, ma abbiamo anche ammirato alcun scorci dei quartieri superficiali di Midgar, abitati dalle famiglie più benestanti, oltre che i celebri bassifondi (slums) e l’interno dei reattori della ShinRa Company (in cui si articola la demo gratuita di gioco). Le aspettative sono naturalmente alte, e la speranza è che tra le strade e i vicoli di Midgar ci sia molto, molto altro da vedere. 

#mancapoco!

Rinoa Heartilly

Rinoa Heartilly

Il mio nome è Anna e ho creato il Rinoa's Diary nell'ormai lontano 2001, stregata (ha-ha) dall'ottavo capitolo Final Fantasy. Da quel momento, l'amore per la saga non mi avrebbe più abbandonata.

Lascia un commento