Recensione libri

Dove parlare di Manga, Fumetti, Libri e Anime!
Perseo
Moderatore
Messaggi: 3038
Iscritto il: 18 dic 2005, 20:55
Località: Rinoa's Garden

Recensione libri

Messaggio da Perseo »

patti chiari, amicizia lunga. :-D

basta dire io ho letto questo, io ho letto quello, della nostra cultura cartacea forse poco importa ai più, meglio una bella recensione sull'ultimo libro letto, oppure sul libro che ci è rimasto nel cuore. :smt049

niente di prolisso, non c'è bisogno di tediare chiunque si voglia avvicinare alla lettura del nostro post e soprattutto niente spoiler, manca solo vedersi rovinare la fine del romanzo che abbiamo sul comodino. :(

bene, poche regole, semplici e chiare, non voglio fare il prepotente che usa il suo topic come meglio gli aggrada, ma ritengo che un po' d'ordine venga a favore di tutti.

speriamo bene. :-D


...


detto questo ecco uno dei libri che dopo tanti anni ritengo ancora come uno dei meglio riusciti nel suo genere, forse non il più bello, ma sicuramente uno dei più accattivanti e con un protagonista tra i miei più amati, sinceramente mi ricorda un po' Solid Snake. :-D

Senza Rimorso di Tom Clancy

il protagonista, che ritroveremo anche in altri libri di Clancy, si muoverà esclusivamente per vendetta con una precisione e lucida crudeltà da farlo sembrare a tratti il "cattivo" della storia, sono molti gli intrecci che si formano lungo le pagine, ma le sue mire violente cesseranno solo dopo aver eliminato tutti i suoi nemici.

tra tutti i libri di Clancy, questo secondo me è il mio preferito e avendo pochi legami con i precedenti titoli si può leggere senza avere la sensazione che manchi qualcosa, mentre per godere appieno i titoli successivi a questo è meglio non perdersi questa pietra miliare che svelerà le sfaccettature di uno dei protagonisti più riusciti nel genere.
Immagine
Laura§'s
Membro del Garden Club
Messaggi: 38
Iscritto il: 23 set 2006, 14:08
Località: napoli (grr)

Messaggio da Laura§'s »

Benissimo, visto che leggo almeno 9 ore su 24 ho trovato un topic che fa per me. Questa è la breve recensione dell'ultimo libro che ho letto.
"Anghelos" di Alessia Rocchi
E' una storia che parla di vampiri, sia ben premesso, ambintata a Benevento all'età di Bisanzio. E' il racconto della tormentata vita di un vampiro che ha creato attorno a lui una leggenda orribile per allontanare i curiosi, ma che adesso è alla ricerca di qualcosa che lo faccia sentire vivo come non lo è mai stato. Accompagnato dal suo "servo" Raphael oramai vecchio, si reca a Benevento alla ricerca di un vecchio conto in sospeso, e qui trova Eirene. Scopre che la donna è una guardiana della porta e che il Libro oscuro è di nuovo nelle sue mani. E da qui scaturisce la scintilla che ispira tutta la storia che termina in un tragico finale drammatico.
Il genere è sospeso tra L'horror è e il drammatico-sentimentale, consigliato agli amanti del fantasy e del mistero.
Avvertimento: è un mattone e in alcune parti è piuttosto difficile da reggere, ma il risultato è soddisfacente. Voto personale: :D :D :D :D :D Ciao perseo!!!!!!!!!
ROCKKETARI DEL MONDO UNITEVIII
FORZA PINKKKKKKKKKKKKKK
Perseo
Moderatore
Messaggi: 3038
Iscritto il: 18 dic 2005, 20:55
Località: Rinoa's Garden

Messaggio da Perseo »

finalmente una recensione. :-D

ne approfitto per segnalarvi un'altro libro che secondo me non deve assolutamente mancare nella vostra biblioteca personale.

Excalibur di Cornwell Bernard.

a dir la verità sto parlando di 5 libri, ma vi assicuro che non ve ne pentirete.

Il Re d'Inverno
Il Cuore di Derfel
La torre in fiamme
Il tradimento
La spada perduta

la trama è la classica di re Artù, ma tutto è visto nel modo più reale possibile, l'autore ha cercato di incastrare personaggi e storia non nel mondo della fantasia, ma nel mondo reale, nella storia reale, dunque pur seguendone la trama vivrete un Artù che non avete mai visto.

raccomandatissimo.
Ultima modifica di Perseo il 12 ott 2006, 07:11, modificato 1 volta in totale.
Immagine
Laura§'s
Membro del Garden Club
Messaggi: 38
Iscritto il: 23 set 2006, 14:08
Località: napoli (grr)

Messaggio da Laura§'s »

Il Re d'Inverno
Il Cuore di Derfel
La torre in fiamme
Il tradimento
La spada perduta

letti tutti! Finalmente ho trovato qualcun'altro che li ha letti! Cert, leggere cinque libri che parlano tutti della stessa cosa è pesante, ma è comunque un'esperienza.
"I guardiani della notte" E "i guardiani del giorno" di Sergej Luk'janenko
Questa trilogia (non sono pazza, sono tre, ma il terzo esce l'anno prossimo) è russa e si svolge nella Mosca moderna. è un libro fantasy. Il primo libro "i guardiani della notte" tratta la visione di una vicenda legata ad un oggetto conteso dalle due guardie vvista esclusivamente dalla parte della luce (i guardiani della notte sono della luce, i guardiani del giorno sono delle tenebre). Il secondo libro richiama un'altra faccenda, già lo scrittore comincia a ingarbugliare ancora di più la storia e scrive più arduamente, vista dalle tenebre. Personalmente preferisco il secondo libro, perchè trovo i personaggi più coinvolgenti.
Attendo con ansia il terzo capitolo e il secondo film ( il rpimo è uscito nell'autunno del 2005). C'è una precisazione da fare: nel passaggio dal libro al film, il genere è cambiato radicalmente perchè il film è horror. Voto personale: :D :D :D :D :D Ciao!
ROCKKETARI DEL MONDO UNITEVIII
FORZA PINKKKKKKKKKKKKKK
Abelmaster
User
Messaggi: 89
Iscritto il: 28 ago 2006, 21:08
Località: Perso nel bianco deserto di una pagina in attesa di essere scritta.

Messaggio da Abelmaster »

Irlanda V secolo.

Sull'altura che sovrasta u piccolo monastero compare un giorno un cavaliere. E' giovane, biondo, un'immagine di bellezza e di forza. Ma quando si avvicina ai monaci che lo guardano intimoriti uno staordinario cambiamento avviene in lui. All'improvviso si trasforma in un vecchio e, quando si presenta, lo stupore dei monaci aumenta a dismisura.
L'uomo è Ossian, il poeta, grande cantore delle gesta dei cavalieri di Fianna, tornato dal mondo di Altrove per raccontare a Patrizio, abate del monastero, le storie del tempo in cui l'Irlanda era una terra di eroi, i druidi dettavano legge ai re e il loro canto era incantesimo e magia. Un tempo in cui demoni spaventosi si aggiravano nella notte seminando terrore e devastazione, e solo
guerrieri da cuore puro potevano fermarli.
Ma Patrizio stenta ad ascoltarlo. Rapito in giovane età nella sua Bretagna, tenuto schiavo per ben 16 anni, cova un profondo astio nei confronti degli irlandesi, nonostante una voce iteriore l'abbia spinto a tornare per diffondere la parola di Dio.
Saranno le parole di Ossian, il racconto delle imprese di Fionn Mac Cumhail, mitico capo della Fianna, le sue battaglie e l'amore appassionato per la bellisima moglie Sabh, a conquistarlo, schiudendo davanti ai suoi occhi un universo di mistero e, riconciliandolo con ciò che gli ha riservato il destino.



Questa è la prefazione di un libro qualunque tra i tanti che ho letto con piacere. Questo è in sintesi ciò che l'autrice del libro, Juliene Osborne-McKnight ha voluto condividere con me, umile mortale, tra tutti coloro che hanno letto il suo libro "Il cavaliere Irlandese".

Ultime battute del libro:

[spoiler]"Mi sovvenne che il cielo, la verde terra, i sognatori dell'Eire erano miei, e io ero loro e che sarebbe stato così per sempre. La voce sussurro il mio nome nel profondo del cuore e io lo gridai a Ossian.
-Digli che sei stato con Padraig!- urlai -Con Padraig l'Irlandese.- [/spoiler]
C'è un vento troppo forte, spira con l'intento di mutare il clima, Dio sa se ci riuscirà. Ad'ogni modo, quando questo vento si calmerà e potrò riudire la tua voce, ricomincerò a parlarti. :scolorato

Immagine
Il che è bello e istruttivo :-D
Laura§'s
Membro del Garden Club
Messaggi: 38
Iscritto il: 23 set 2006, 14:08
Località: napoli (grr)

Messaggio da Laura§'s »

"Sai tenere un segreto?" Sophie Kinsella
Emme Corrigan, durante un viaggio in aereo, racconto in preda al timore di morire tutti i suoi segreti più intimi al vicino di poltrona, sicura di morire. E invece si salva e scopre, una volta tornata a lavoro, che è il suo capo supremo, il fondatore dell'azienda nella quale lavora. E quando lui fa visita agli uffici, lei fa di tutto per evitare di incontrarlo. Destino fa in modo che si ritrovino sempre a scontrarsi e che, alla fine, Emma dovesse scegliere di riconoscere di essere attratta da lui. Peccato che, un giorno, a Jack Harper il capo dei capi venga in mente di riferire in Tv tutti i segreti che Emma gli ha raccontato. E lei, senza volerlo, gli scatena dietro la sua conquilina, un missile utilitario di vendetta.
Il genere è comico- romantico, tipico della scrittrice. Voto personale: :D :D :D :D + :-D di simpatia. Assolutamente da leggere.
ROCKKETARI DEL MONDO UNITEVIII
FORZA PINKKKKKKKKKKKKKK
Perseo
Moderatore
Messaggi: 3038
Iscritto il: 18 dic 2005, 20:55
Località: Rinoa's Garden

Messaggio da Perseo »

Lo Zen e l'Arte della Manutenzione della Motocicletta di R. Pirsig

«Il Buddha, il Divino, dimora nel circuito di un calcolatore o negli ingranaggi del cambio di una moto con lo stesso agio che in cima a una montagna o nei petali di un fiore».

un viaggio in sella alla moto ed alla propria mente.
non vi preoccupate non si parla veramente di manutenzione.
parte piuttosto leggero facile e scorrevole, ma man mano che le pagine scorrono il viaggio fa posto alla mente e tutto si fa difficile, si affrontano varie filosofie, non è indispensabile, ma conoscerle, anche superficialmente, aiuta alla lettura di uno dei pochissimi libri considerati capolavori della letteratura amaricana.

indispensabile per tutti i motociclisti e consigliatissimo a chi della moto frega poco, ma vuole scoprire e varcare le tante porte delle mente.
Immagine
Laura§'s
Membro del Garden Club
Messaggi: 38
Iscritto il: 23 set 2006, 14:08
Località: napoli (grr)

Messaggio da Laura§'s »

Lo Zen e l'Arte della Manutenzione della Motocicletta di R. Pirsig
Mi piace. Potresti gentilmente dirmi se è scritto sottoforma di racconto o di semplici filosofie?
"le parole che non ti ho detto" Nicholas Sparks
Theresa Osborne trova sulla spiaggia una bottiglia contenente un messaggio struggente firmato Garret. Dopo giorni, riesce a venire in possesso di altre lettere delo stesso autore e a contattarlo. Quando lo incontra, se ne innamora, ma Garrett nasconde parte del suo passato. Catherine. E, quando trova le lettere indirizzate a lei in casa di Theresa, capisce che qualcosa non va.
Il genere è romantico-drammatico. Voto personale: :D :D :D :D (é troppo triste)
Lo consiglio a chi riesce a non farsi trasportare troppo da un racconto. (infatti io non avrei dovuto leggerlo, sono troppo sensibile).
ROCKKETARI DEL MONDO UNITEVIII
FORZA PINKKKKKKKKKKKKKK
Perseo
Moderatore
Messaggi: 3038
Iscritto il: 18 dic 2005, 20:55
Località: Rinoa's Garden

Messaggio da Perseo »

Laura§'s ha scritto:
Lo Zen e l'Arte della Manutenzione della Motocicletta di R. Pirsig
Mi piace. Potresti gentilmente dirmi se è scritto sottoforma di racconto o di semplici filosofie?

è un romanzo, un uomo si mette in viaggio col figlio in sella ad una moto, il viaggio è un ritorno alle origini ad un passato dimenticato dove ricordi e paure tornano a tormentare il nostro viaggiatore.

non voglio rivelarti di più perchè rovinerei la sorpresa crescente nello sfogliare le pagine di questo bellissimo libro, libro che in molti punti invita alla riflessione ed all'introspezione del proprio essere, tra l'altro la storia dovrebbe essere stata vissuta veramente dall'autore.

buona lettura. :-D
Immagine
Laura§'s
Membro del Garden Club
Messaggi: 38
Iscritto il: 23 set 2006, 14:08
Località: napoli (grr)

Messaggio da Laura§'s »

Ok. Proverò a leggerlo, quando riuscirò a trovarlo in libreria.
"Il templare"Jan Guillou
Il racconto parte dalla nascita travagliata di Arn, il protagonista della storia. Quando il bambino, un giorno, cade dal campanile e muore, sua madre promette alla chiesa che se suo figlio fosse tornato in vita avrebbe dedicato tutta sè stessa alla religione. E Arn, per sua sfortuna, torna a vivere. Così, la donna è costretta a vivere in convento col figlio, morendo poi di una malattia fatale legata alla scarsa igiene del convento. Arn viene educato scupolosamente dai monaci, impara l'arte della guerra, legge e parla il latino e molte altre lingue, ma per lui arriva il momento di scoprire cosa c'è fuori. E scoprirà l'amore, la gelosia, la menzogna, la falsità, e infina la guerra.
Il genere è Storico-drammatico, pesante ma piacevole. Voto personale: :D :D :D Lo consiglio agli amanti della storia medioevale.
ROCKKETARI DEL MONDO UNITEVIII
FORZA PINKKKKKKKKKKKKKK
Stragomago

Messaggio da Stragomago »

"American Gods" di Neil Gaiman, per chi non lo conosce per fumetti come il mitico "Sandman" o per "1602", consiglio solo di prendere il libro con le molle per i suoi contenuti piuttosto onirici, per chi già conosce questo autore completo e non ha ancora letto il libro, posso solo dire che non tradisce assolutamente la sua fama!
"Abarath" di Clive Barker (che volete sono un aficionados dei narratori inglesi), cioè la dimostrazione che un buon autore horror può scrivere una meravigliosa storia fantastica adatta a lettori di tutte le età, consigliatissimo!
Abelmaster
User
Messaggi: 89
Iscritto il: 28 ago 2006, 21:08
Località: Perso nel bianco deserto di una pagina in attesa di essere scritta.

Messaggio da Abelmaster »

Cosa succede se una ragazza di 19 anni improvvisamente si ritrova sola al mondo, senza nemmeno più un solo parente e con le cucine come solo e unico grande amore?
C'è lo racconta Banana Yoshimoto nel suo bellissimo racconto d'esordio "Kitchen". Un mini romanzo in stile manga che oltre a 2 appassioati racconti offre un affascinante ritratto della cultura culinaria giapponese.

Da leggere :)
C'è un vento troppo forte, spira con l'intento di mutare il clima, Dio sa se ci riuscirà. Ad'ogni modo, quando questo vento si calmerà e potrò riudire la tua voce, ricomincerò a parlarti. :scolorato

Immagine
Il che è bello e istruttivo :-D
Laura§'s
Membro del Garden Club
Messaggi: 38
Iscritto il: 23 set 2006, 14:08
Località: napoli (grr)

Messaggio da Laura§'s »

"Stargirl" Jimmy Spinelli
Mica, Arizona. Un liceo dove tutti vestono e parlano allo stesso modo, dove i ragazzi sono una massa uniforme che si muove all'unisono. Ma arriva Stargirl, una ragazza del tutto anticonformista, che canta canzoni all'ukulele e conosce a memoria la data di nascita di tutto il paese, che spaventa e attrae allo stesso tempo. Leo l'apprezza e ne ha ha paura perchè minaccia di cambiare per sempre ciò che era la sua vita abituale. ma nessuno ha detto che essere diversi voglia per forza significare essere apprezzati e così, ben presto, Stargirl e lei vengono escusi da tutti...
Un romanzo assolutamente toccante, una favola sull'anticonformismo americano, da leggere per tutti coloro che desiderano cambiare il mondo un pò alla volta.
voto personale: :D :D :D :D :D
ROCKKETARI DEL MONDO UNITEVIII
FORZA PINKKKKKKKKKKKKKK
DarkSquall
Moderatore più figo degli altri
Messaggi: 1030
Iscritto il: 09 dic 2005, 23:02
Sesso: M
Località: Reggio Calabria

Messaggio da DarkSquall »

Undici Minuti, di Paulo Coelho

Maria è una ragazza brasiliana che, trascinata dalle casualità della vita, si ritrova ad essere una prostituta a Ginevra.
La storia vuole dare una visione del sesso come mezzo per conoscere noi stessi e gli altri e sottolinea la stupidità nel vederlo solo come un piacere fisico; interessanti anche molte riflessioni sull'amore e sulla vita
Consigliato a chi non ha "paura" di leggere un libro a tratti trasgressivo per le descrizioni dei rapporti di Maria.
Dalle note finali l'autore afferma di essersi ispirato a una storia vera.
Piccola citazione tratta dal libro, precisamente dal diario della protagonista(niente di sconvolgente, per chi volesse leggerlo):
[spoiler] "Spero che questo periodo passi velocemente, affinchè io possa tornare a cercare me stessa, incontrando un uomo che mi capisca, che non mi faccia soffrire.
Ma che stupidaggini sto scrivendo? Nell'amore, non si può ferire nessuno. Ognuno di noi è responsabile di quello che prova, e non può incolparne l'altro.
Io non mi sono sentita ferita quando ho perduto gli uomini dei quali mi ero innamorata. Oggi sono convinta che non si perde nessuno, visto che non si possiede nessuno.
Questa è l'autentica esperienza della libertà: avere la cosa più importante al mondo, senza possederla."
Paulo Coelho [/spoiler]


Veronika decide di morire, sempre di Paulo Coelho

Veronika è una ragazza che, come tante, non riesce più a trovare un senso alla sua vita. Così decide di privarsene. Tuttavia riesce a sopravvivere e viene rinchiusa in una clinica psichiatrica, dove grazie alle riflessioni dell'autore attraverso la protagonista, potremo renderci conto di alcune assurdità di noi cosiddetti "normali" e di quanto possa essere sensato, invece, il mondo dei "folli".
In assoluto uno dei miei libri preferiti.

Alcuni trovano che quest'autore abbia idee un po' troppo utopiche e (testuali parole) "sessantottine", ma a me piace proprio per questo e, personalmente, ve lo consiglio.
“La massa era formata da uomini deboli e pavidi, incapaci di reggere la libertà o la verità, che quindi dovevano essere ingannati in maniera sistematica da individui più forti; l’umanità poteva unicamente scegliere tra la libertà e la felicità; e la maggior parte degli uomini sceglieva la felicità.”
George Orwell, Nineteen Eighty-Four

"E probabilmente questo individuo era irritato che altri esseri avessero qualcosa per loro, appartenessero a qualcuno, fossero possessori di un oggetto tutto per loro. Ora Barbara era di uno. Questo sentimento era più grande e più importante dell’amore, nella sua condizione presente. Essere di uno solo, riservargli qualcosa di profondo e incomunicabile agli altri. Staccarsi dagli altri. Avere ripugnanza degli altri.
Essere uno. Ecco la colpa. Bisognava essere tutti.”

Corrado Alvaro, L'uomo è forte.

"I soviet più l'elettricità non fanno il Comunismo, anche se è un dato di fatto che a Stalingrado non passano."

CCCP Fedeli alla linea - Manifesto
Loxaris
New Entry
Messaggi: 26
Iscritto il: 30 ott 2008, 04:47

Re: Recensione libri

Messaggio da Loxaris »

Ho trovato per caso questo topic in fondo alla lista... Secondo me Perseo ha avuto una splendida idea ad aprirlo, spero di non far male a rimetterlo un po' in luce...
Laura§'s ha scritto:"Anghelos" di Alessia Rocchi
Anch'io l'ho letto. Sicuramente uno dei miei libri preferiti a livello di trama (adoro le cose di quel genere a prescindere :asd: ). Mi è però piaciuto abbastanza poco sul piano stilistico. Secondo me si vedeva che l'autrice era al suo primo libro; inoltre ricordo che a suo tempo trovai la storia un po' debole in certi punti :tots:


Il libro che propongo io è invece 1984 di George Orwell.

E' un romanzo piuttosto famoso, definito di utopia negativa o distopia. Questo perché la società che ritroviamo nell'opera è assolutamente indesiderabile sotto tutti i punti di vista: omologazione, asetticismo, falsità, privazioni di ogni genere regnano sovrane. E' esattamente agli antipodi dell'utopia insomma.
Ed è in questo tipo di società che vive Winston Smith, membro subalterno del Partito (ci troviamo in una dittatura) che tenterà, nel suo piccolo, di andare contro il sistema per ritrovare in qualche modo la sua umanità ormai quasi totalmente perduta (non per niente inizialmente Orwell aveva pensato di intitolare il libro "The Last Man in Europe", "L'ultimo uomo in Europa").

E' il primo libro di questo genere che ho letto (adesso sono molto curiosa di leggere "Fahrenheit 451"), ed ho particolarmente apprezzato il fatto che nel romanzo viene esplorata la mentalità di una persona all'interno del sistema da diverso tempo, e che quindi non giudica ciò che accade secondo il nostro stesso criterio di valutazione (è ovvio che una situazione del genere per noi sarebbe inaccettabile), ma secondo un metro diverso. Ho trovato molto bella specialmente la terza ed ultima parte del romanzo (non dico di più per non spoilerare).

Piccola curiosità: immagino che tutti conosciate il reality show "Grande Fratello" (=.=). Ebbene, l'idea deriva proprio da questo libro (il che non è certo una nota positiva ma be'...=_=)
Rispondi

Torna a “Edicola”