Asimov - Fondazione, Impero e Romanzi correlati

Rispondi
Mayor Deliftner
User
Messaggi: 134
Iscritto il: 14 apr 2010, 10:53
Sesso: M

Asimov - Fondazione, Impero e Romanzi correlati

Messaggio da Mayor Deliftner »

Vedo che non c'è alcun topic aperto a riguardo quindi bisogna rimediare immediatamente :-D

Qualcuno di voi ha mai letto i libri di questo fantastico scrittore?
Sono romanzi di Fantascenza, inizialmente ero diffidente perchè pensavo fossero troppo pesanti e laboriosi per i miei gusti, ma appena me ne sono torvato uno tra le mani ho cominciato a leggere e non ho più smesso.
Sono opere semplicemente Epiche, scritte con tanto di quel talento e maestria da lasciartici incollato dalla prima all'ultima riga del libro.

L'opera centrale, ossia il ciclo della Fondazione e dell'Impero Galattico è semplicemente sensazionale, narra le vicende di un intera Galassia dove l'uomo ormai risulta essere l'unica forma di vita inteligente conosciuta e dove la Terra non è altro che un mito inesistente, un enorme sistema governato da un solo Pianeta Capitale saturo di persone, completamente ricoperto da cupole all'interno delle quali si staglia una folta foresta urbana che, come una coperta di metallo, avvolge l'intero pianeta. Il destino di questo enorme Impero, porta inevitabilmente al baratro, ossia, i pianeti più lontani cominceranno inevitabilmente a cercare l'indipensenza e questo destabilizzerà presto un Impero poggiato su un Pianeta Capitale che non è in grado di sostenere autonomamente la propria popolazione (importando il cibo da altri mondi).
Questo nn è altro che il futuro previsto da un uomo di nome Hari Seldon, che grazie alla Psicostoria, una branca che riesce a prevedere i comportamenti delle grandi masse (più il gruppo è grande più è precisa), un futuro che purtroppo si rivelerà reale e che lo stesso Seldon (oviamente non preso sul serio), deciderà di affrontare creando la Fondazione, ossia mandare degli umini scelti su un pianeta inabitato, lontano dal centro del potere, in modo che possano creare una propria società che prospererà rimanendo immune alla decadenza, ma che cmq dovrà superare una serie di prove per sopravvivere e sviluppare(come predetto dalla Psicostoria). Dalla nascita e la sopravvivenza della Fondazione, dipenderà il periodo di caos che seguirà il crollo dell'Impero, infatti senza Fondazione prima che si ristabilisca un nuovo governo, l'umanità dovrà passare attraverso 30.000 anni di anarchia e barbarie, mentre con essa il periodo verrebbe drasticametne ridotto a soli 1.000 anni, tempo nel quale la Fondazione dovrà superare delle "Crisi" previste da Seldon e lasciate come testimonianza olografica per mettere in guardia le successive generazioni.....

Insomma ora nn sto qui a dirvi tutto, ma è veramente un capolavoro. Ovviamente ci sono altre opere che precedono e seguono gli avvenimenti della Fondazione e sono tutti ugualemente interessanti. Ci sono anche molte opere separate dal ciclo della Fondazione, ma in qualche modo collegate alla collana, come ad esempio Paria dei Cieli, ambientato sulla Terra parla di un uomo che viene proiettato nel futuro, un futuro dove la Terra è divenuta per buona parte radioattiva (esattamente come si narra nelle leggende che girano per l'Impero Galattico, che per l'appunto indicano la Terra come un pianeta radioattivo) e dove tutti parlano ormai un unica lingua, ossia il Galattico Standard, esattamente la lingua ufficiale dell'Impero. In pratica la stessa storia in un tempo diverso.



Per chi ancora non è entrato nel fantastico mondo di Asimov, gli consiglio vivamente di farlo perchè non sa cosa si sta perdendo :-D
Hydra
Guerriero
Messaggi: 514
Iscritto il: 11 nov 2008, 21:17
Sesso: F

Re: Asimov - Fondazione, Impero e Romanzi correlati

Messaggio da Hydra »

Io ho letto poco di Azimov, pur essendo appassionata di fantascienza (ora mi sto dedicando a Tolkien, altro genere!), ma ho una madre asimoviana della prima ora e che spesso mi parla di questo autore che, curiosità, ha inventato i termini “robotica” e “positronico”, nonché le tre leggi della robotica.
Di Asimov ho letto diversi racconti sui suoi robot e alcuni racconti brevi come “Nove volte sette“, molto bello e “La parola chiave”. L'ho trovato un autore molto acuto, ottimo conoscitore dell'animo umano, a tratti molto divertente.
MD, se ami Asimov non posso che consigliarti un suo racconto: «Il notturno» («Nightfall» se lo cerchi in inglese) considerato il più bel racconto di fantascienza di tutti i tempi. Io ho letto la versione a 4 mani che Asimov ha riscritto con Silverberg e l'ho trovato davvero splendido, però mia madre sostiene che il racconto breve è meglio e, dopo Tolkien, verificherò di persona.

SEMI-OT: faccio notare, e penso che tu potrai confermarlo, che il film “Io robot”, tratto dai libri di Asimov, ha in comune con questi ultimi solo il riferimento alle tre leggi della robotica. Lo dico nel caso che qualcuno abbia apprezzato il film e pensi, leggendo Asimov, di ritrovarne qualche sintomo nei suoi libri. Il film, apprezzabile se estrapolato dal contesto asimoviano, ha secondo me rovinato il bellissimo personaggio di Susan Calvin che, nei racconti di Asimov, non è la strafiga ragazza del film ma una robotpsicologa zitella e acida, che ama i robot più di quanto ami la gente. Un personaggio che ho amato dal primo racconto che ho letto e che nel film è stato completamente snaturato.

Sono contenta che un ragazzo ami un autore che tratta un genere che in Italia è piuttosto sottovalutato.
Mayor Deliftner
User
Messaggi: 134
Iscritto il: 14 apr 2010, 10:53
Sesso: M

Re: Asimov - Fondazione, Impero e Romanzi correlati

Messaggio da Mayor Deliftner »

Si, la robotica e le tre leggi sono proprio invenzioni di Asimov, spunti su cui si basano film come Io Robot, ma non solo, un po' tutti i film di fanatascenza o che trattano cmq robot prendono come base Asimov, guarda anche AI-Inteligenza Artificiale o un film più vecchio come Corto Circuito.
Si sa che gli scrittori sono un po' i precursori di ciò che l'uomo farà in futuro, trovando risvolti anche nella realtà e non solo nella fantasia e di questo Asimov si rende perfettamente conto.
Quello che ha fatto Asimov con i suoi libri è stato praticamente un colpo di genio, perchè parla di una scenza pratica che può trovare sbocchi anche nella realtà e se ci pensi, quello che lui ha scritto sembrerebbe essere proprio l'unico sviluppo plausibile per la tecnologia umana.
Dopo i libri di Asimov chissà quanti scenziati si saranno gasati per costruire un vero robot :asd: e il bello che alla fine lo hanno fatto, sebbene molto ma molto primordiale.

Io fino ad ora ho letto: Fondazione Anno Zero, Preludio alla Fondazione, Fondazione La Quadrilogia, Fondazione e Terra, Nemesis, Paria dei Cieli, I Robot e l'Impero, Neanche gli Dei, Notturno.
Ora sto leggendo Sogni di Robot che è una raccolta di racconti come: Il Piccolo Robot Perduto, Sogni di Robot, Crumiro e molti altri tra cui 9 volte 7 che mi ha sorpreso per l'evoluzione al contrario verso cui razza umana si sta dirigendo, e mi sa che Asimov anche qui ci ha azzeccato, perchè finiremo proprio cosi se continuiamo su questa strada :asd:

Per quanto riguarda Notturno, si è vero, è motlo bello perchè tratta di un mondo completamente diverso e di umani che umani in realtà nn sono, abituati a ritmi solari talmente assurdi da avere il più puro terrore di una cosa naturale come la notte e le stelle, poi viene preso da punti di vista diversi (Psichiatra, Archeologa, Scenziato, Fanatici) da assemblare come un puzzle, che una volta composto ti fa capire a cosa si sta andando incontro, regalandoti cmq un finale a sorpresa per nulla scontato.

Per quanto riguarda Susan Calvin, è la protagonista di Il Piccolo Robot Perduto e Sogni di Robot, ed è proprio quella che punta l'arma al robot sognante e lo disintegra senza alcuna esitazione... questo si che è amore xD
Cmq si è una piccola donna acida e zitella, decisamente fissata con i robot e tutt'altro che la classica figona hollywoodiana.

Anche a me fa piacere che una ragazza si interessi a tali letture, ed è molto più raro che trovare un ragazzo che in fin dei conti si trova nel suo territorio naturale, se solo la televisione non avesse fatto perdere la volgia di leggere libri :-D
Hydra
Guerriero
Messaggi: 514
Iscritto il: 11 nov 2008, 21:17
Sesso: F

Re: Asimov - Fondazione, Impero e Romanzi correlati

Messaggio da Hydra »

Forse ti deluderò, ma la ragazza in questione ha 35 anni :D
Anche se la mia passione per la fantascienza ha trovato il suo massimo in Star Trek che, pur essendo una serie TV, ne ha cambiato la storia (e per la cronaca, Asimov era un fan di Star Trek tanto da collaborare alla realizzazione del primo film per il cinema dedicato alla serie).

Comunque ricordo con tenerezza Susan Calvin in un racconto dove si prende cura di un robot sabotato da un bambino. Questo robot era l'equivalente di un bimbo piccolo a causa di un guasto e Susan Calvin lo portò a casa per prendersene cura. Di fatto, è l'unico figlio che le fosse possibile avere. Asimov riusciva a mettere umanità anche in una storia tra uomini e robot.
Mayor Deliftner
User
Messaggi: 134
Iscritto il: 14 apr 2010, 10:53
Sesso: M

Re: Asimov - Fondazione, Impero e Romanzi correlati

Messaggio da Mayor Deliftner »

Hydra ha scritto:Forse ti deluderò, ma la ragazza in questione ha 35 anni :D

Bhè, sei ancora molto giovine :-D
Io ne ho 25 non mi manca molt al traguardo dei 30... proprio vero, dopo i 18 gli anni volano via :smt104

Anche a me piaceva molto Star Trek, soprattutto la prima serie con Kirk in tutina gialla.. che fustacchio :asd:
Anche la Next Generation con Picard non è affatto male, ma con l'inizio di Voyager con Janeway incomincia il declino inevitabile, anche se mantengono ancora un po' del loro charm, questo va perduto per sempre con la 4^ Stagione che è davvero inguardabile, o perlomeno, io nn ho trovato interesse a guardarla.
Parecchie cose in comune, ma d'altra parte tra fantascienzamaniaci ci si capisce :-D

Nel post precedente vedo che ti sei data al Tolkien, io prima di scoprire la fantascenza ero, e sono tutt'ora, un gran fan del fantasy in tutte le sue forme. Mi sono letto Il Signore degli Anelli parecchio tempo fa, poi mi sono dato alla trilogia di Shannara (Spada, Pietre Magiche e Canzone di Shannara) è un ottima serie fantasy che va tenuta in considerazione, poi inevitabilmente sono finito su Harry Potter :smt110
Quest'ultimo inizialmente lo snobbavo perchè lo consideravo un opera per ragazzi molto giovani, invece da quando ho visto il primo film me ne sono innamorato, è una saga davvero per tutte le età, ed in pratica ho inizato a leggere i libri poco prima che uscisse il film di Harry Potter e L'ordine della Fenice... è finita che mi sono letto tutti e 7 i libri prima che uscisse il film xD

Cmq tornando IN...
A me Asimov lo ha fatto scoprire mio padre, continuava a ripetermi che era bello nonostante io nn gli dassi mai retta :-D , vedendo quelle pagine ingiallite, quel carattere minuscolo e fitto pensavo, per chissà quale ragione, che trattandosi di fantascenza fosse chissà quale mattone illegibile, invece Asimov nella sua bravura non solo riesce a coinvolgere completamente, ma rende il tutto estramente fluido e leggero.
Cmq mi manca ancora qualche libro, però me lo dovrei comprare perchè mancano proprio dalla mia libreria superfornita xD
Rispondi

Torna a “Libri&Co.”