Il signore degli anelli

vendicagiusti

Re: Il signore degli anelli

Messaggio da vendicagiusti »

Per quanto riguarda il fuoco: Tolkien specifica che l'Unico Anello non può essere distrutto dal Fuoco dei draghi o del Balrog semplicemente perchè è molto più potente degli altri Anelli del potere
Il signore degli anelli la compagnia dell'anello, capitolo 2, pagina 96.
Gandalf: è stato detto che il fuoco di drago può fondere e consumare gli anelli del potere, ma oggidì sulla terra non vi è un solo drago.
Quindi l'anello non è stato distrutto da un drago solo perchè smaug (l'ultimo) era morto. Ma se ci fosse stato un drago vivo, allora era fatta. E comunque una bella fiammata del balrog scommetto che avrebbe fuso l'anello.
Se poi credi che il fuoco sia uguale in ogni forma ti ricordo che in One Piece Ace (uomo infuocato) è stato proprio ucciso perchè bruciato da Akainu (uomo-lava)
Quella di final fantasy era solo una provocazione. è ovvio che non c'entra niente con la terra di mezzo.
Avatar utente
Vykos
Moderatore
Messaggi: 4912
Iscritto il: 06 ott 2005, 23:00
Località: Pisa

Re: Il signore degli anelli

Messaggio da Vykos »

Certo, invece il balrog era innocuo. Ha solo quasi fatto fuori gandalf.
1) Non c'era la certezza matematica che tu lo trovassi mentre Saruman è esattamente impegnato nel guardare dove vai
2) Saruman ha risparmiato Gandalf, se avesse voluto l'avrebbe ucciso, il Balrog invece ci ha perso, quindi Saruman è più pericoloso

A parità di pericolosità preferisci passare dove il pericoloso non sta cercando proprio te, e ad ogni modo Saruman è con ogni evidenza più potente oltre che dotato di un intelletto nettamente superiore e di eserciti organizzati ai suoi ordini.
Inoltre anche le miniere di moria non erano sicurissime.
Vero, ma come sopra. Goblin a Moria o eserciti schierati e squadre di ricerca nei pressi di Isengard? Meglio i goblin, fossero anche il doppio, prima di tutto perchè non sanno chi sono quelli del gruppo e poi perchè non sono affatto all'altezza degli orchi e degli uruk.
Almeno a rohan i membri potevano essere aiutati dai rohirrim o rifugiarsi a fangorn.
Rohan era sotto Saruman, in quel momento, quindi erano un nemico in più, non una protezione. E comunque i rohirrim hanno da arrivare, se le forze di Isengard ti attaccano fai in tempo a morire e quelli di Rohan arrivano giusto in tempo per rimontare i tuoi pezzi e seppellirli. Fangorn non è ovunque, prima o poi dovrai pure passarci dal territorio che passa fra Caradhras e Mordor. E quando ci passi giù legnate.
Comunque, non capisco la differenza tra il fuoco del balrog e quello del drago. Oscuro o non oscuro, la temperatura è quella.
Non fossimo in un fantasy che fa della differenza corruzione e non corruzione il suo punto fondamentale avresti anche ragione. In realtà in questa ambientazione cambia tutto, oscuro o non oscuro è la prima cosa a cui pensare. Il balrog è un essere corrotto, Sauron è il Maia divenuto il signore della corruzione a mezzo magico, quindi nessuno dei balrog, che un tempo erano pure più potenti di lui, può distruggere quell'anello.

Se poi credi che il fuoco sia uguale in ogni forma ti ricordo che in One Piece Ace (uomo infuocato) è stato proprio ucciso perchè bruciato da Akainu (uomo-lava)

Si quella comunque è una balordata di prima categoria, che la lava inghiotta il fuoco è un'astrazione del tutto arbitraria di Oda, in realtà il fuoco rimane intangibile quale che sia la temperatura di quel che lo attraversa.
I'll become one with the Planet...
________________________________________
Macha
Guerriero
Messaggi: 578
Iscritto il: 24 apr 2010, 23:02
Sesso: F

Re: Il signore degli anelli

Messaggio da Macha »

vendicagiusti ha scritto:Quindi l'anello non è stato distrutto da un drago solo perchè smaug (l'ultimo) era morto. Ma se ci fosse stato un drago vivo, allora era fatta. E comunque una bella fiammata del balrog scommetto che avrebbe fuso l'anello.
Ma pensare alla cosa più semplice e più logica, ossia che un Balrog non è un drago? °_°
E poi sta storia del "se..." non funziona... Tolkien fece crepare l'ultimo drago presente nella Terra di Mezzo, ergo speculare sul fatto che se ci fosse stato un drago è un puro esercizio intellettuale, perché con Smaug ancora vivo non ci sarebbe stato Il Signore degli Anelli!
Resta ancora irrisolto il mistero sul percè l'anello non è stato portato a ovest.
Nessun mistero... Nascondere l'anello presso Tom Bombadil o portarlo a Valinor non sarebbe servito a un emerito tubo perché l'unico modo per distruggere Sauron era fondere l'anello :sisi:
Hydra
Guerriero
Messaggi: 514
Iscritto il: 11 nov 2008, 21:17
Sesso: F

Re: Il signore degli anelli

Messaggio da Hydra »

vendicagiusti ha scritto:Rieccomi qua a fare domande sul signore degli anelli. Allora, ci sono un paio di cose che non mi tornano.
Innanzitutto, come mai gandalf non ha utilizzato le aquile? Ho visto il video su youtube che faceva vedere che era molto più semplice volare con le aquile per raggiungere il monte fato.
Uno sguardo di Sauron e le aquile sarebbero state servite arrosto agli orchetti il giorno stesso.
La soluzione più facile è anche la più prevedibile e delle aquile come Thorondor non credo passino inosservate.
Ricordate che Sauron si serve di chiunque per spiare, perciò, come viene detto da Gandalf nel libro: l'unico modo per distruggere l'anello è facendolo passare per la strada meno ovvia e che il nemico non si aspetta che venga intrapresa, ovvero quella strada che porta direttamente a lui. Infatti la battaglia alla cittadella aveva anche il compito di spostare l'attenzione di Sauron e le sue truppe da Mordor, per permettere a Sam e Frodo di distruggere l'anello.
Avatar utente
Vykos
Moderatore
Messaggi: 4912
Iscritto il: 06 ott 2005, 23:00
Località: Pisa

Re: Il signore degli anelli

Messaggio da Vykos »

Ammesso che lo sguardo di Sauron possa fare più che guardare e tentare, Gandalf è più potente di lui e le aquile sarebbero potute arrivare senza troppi ostacoli, soprattutto con qualche manovra diversiva e magari da diverse direzioni. E sono assolutamente convinto che un attacco aereo frontale non sarebbe stato esattamente la via più attesa XD
I'll become one with the Planet...
________________________________________
Teoskaven
SeeD
Messaggi: 1028
Iscritto il: 14 apr 2009, 13:13
Sesso: M

Re: Il signore degli anelli

Messaggio da Teoskaven »

Hai presente la Guerra dell'Ultima Alleanza? Le baliste di Bara-Dur erano riuscite a centrare in pieno petto il fratello di Isildur (di cui mi sfugge il nome), figuriamoci con un bersaglio enorme come un'aquila.
Senza contare i Nazgul sulle creature alate, e:
1) Nel film si vede chiaramente che Gandalf non riesce a tenere testa al solo Re Stregone;
2) Nel libro Gandalf spiega che a malapena riesce a respingere i nove quando sono in gruppo (e soprattutto a piedi)

Inoltre se la missione fosse fallita l'anello sarebbe stato in piena terra nemica, e anche il più pirla degli orchi avrebbe potuto portarlo a Sauron.
Na, una cosa così sembra più da Mission Impossible che da ISDA.
Avatar utente
Vykos
Moderatore
Messaggi: 4912
Iscritto il: 06 ott 2005, 23:00
Località: Pisa

Re: Il signore degli anelli

Messaggio da Vykos »

Hai presente la Guerra dell'Ultima Alleanza? Le baliste di Bara-Dur erano riuscite a centrare in pieno petto il fratello di Isildur (di cui mi sfugge il nome), figuriamoci con un bersaglio enorme come un'aquila.
Non penserai davvero che avessero MIRATO?? In guerra con le baliste si spara sugli schieramenti, ovvio che qualcuno viene colpito, il fatto che ci muoia il fratello di Isildur è mera narrativa.
1) Nel film si vede chiaramente che Gandalf non riesce a tenere testa al solo Re Stregone;
Il film fa poco testo. Il re stregone è uno spettro umano, per potente che sia, Gandalf un Maia, un essere millenario diretto figlio dei Valar, siamo su livelli completamente differenti
2) Nel libro Gandalf spiega che a malapena riesce a respingere i nove quando sono in gruppo (e soprattutto a piedi)
Si ma il problema è di natura completamente diversa da quella che hai inteso. Gandalf, Saruman, Sauron, i Balrog, sono tutti quanti dei Maiar e quindi dotati di potere similissimo tra loro, come si legge ne Il Silmarillion, e Sauron a quei tempi - in cui Mithandir e Curunìr già erano dei big - doveva fare le giocate d'astuzia perchè sennò lo gonfiavano. Il problema di Gandalf non è che gli manchi la forza di respingere i nove, è che non può usare la magia a piena potenza perchè se lo facesse della Terra di Mezzo rimarrebbe ben poco da salvare. E' lo stesso motivo per cui contro Morgoth non sono arrivati i Valar tutti assieme a sparare cannonate. Non è un caso che la reazione di Gandalf all'offerta di prendere l'anello non sia "no perchè mi soggiogherebbe" ma "no perchè eserciterebbe attraverso di me un potere troppo grande". E non a caso il signor "Fatico anche a respingerli quando sono a piedi" poi li respinge quando sono sulle viverne.
I'll become one with the Planet...
________________________________________
vendicagiusti

Re: Il signore degli anelli

Messaggio da vendicagiusti »

Si ma allora se gandalf era così forte perchè non ha usato più potenza contro il re stregone?
Poi, non si può dire che i poteri di gandalf siano chissà che di potenza. Nella battaglia dei cinque eserciti combattuta a erebor, le forze del male stavano vincendo. E fu solo grazie a beorn che gli orchi furono sconfitti. E alla fine bilbo vede gandalf con un braccio fasciato e pensa tra se che anche gandalf in fondo sia un essere umano e quindi vulnerabile.
Altra cosa che mi è venuta in mente. Nella prima era i valar mandarono 5 stregoni nella terra di mezzo a portare la pace. Gandalf, saruman, due stregoni blu (che andarono nell'estremo est) e... il quinto? Chi era e che fine ha fatto?
Teoskaven
SeeD
Messaggi: 1028
Iscritto il: 14 apr 2009, 13:13
Sesso: M

Re: Il signore degli anelli

Messaggio da Teoskaven »

Radagast il Bruno: nel libro Gandalf fa qualche riferimento a lui come informatore (riesce a capire il linguaggio degli uccelli), ma non se ne sa molto :nono:
Avatar utente
Vykos
Moderatore
Messaggi: 4912
Iscritto il: 06 ott 2005, 23:00
Località: Pisa

Re: Il signore degli anelli

Messaggio da Vykos »

Si ma allora se gandalf era così forte perchè non ha usato più potenza contro il re stregone?
L'ho appena detto. E' pericoloso per la Terra di Mezzo usare la magia vera. Se non ci fosse questo tipo di limitazione dei fantasmi quali sono i nazgul sarebbero usati come straccio da un Maia.
Poi, non si può dire che i poteri di gandalf siano chissà che di potenza. Nella battaglia dei cinque eserciti combattuta a erebor, le forze del male stavano vincendo.
Erebor è un luogo della Terra di Mezzo ergo risponde alle stesse necessità. Se gli orchi conquistano si può riconquistare, se fai fare a mezzo continente la fine di Atlantide no, quindi non si spammano magie della morte +8.
I'll become one with the Planet...
________________________________________
Teoskaven
SeeD
Messaggi: 1028
Iscritto il: 14 apr 2009, 13:13
Sesso: M

Re: Il signore degli anelli

Messaggio da Teoskaven »

Adesso avrei io una domanda: l'Osservatore del lago all'entrata di Moria (non ricordo se nel libro è lo stesso polipone visto nel film)... cos'è e come ci è finito lì ai cancelli di Ithilde? Cioè, Tolkien ha sempre scritto l'origine di tutte le creature (perfino Shelob, pro-pro-pro-pro-pronipote dell'ex alleato di Morgoth Ungoliant), ma questo mostro sembra quasi non avere un perchè della sua esistenza :mmh:
vendicagiusti

Re: Il signore degli anelli

Messaggio da vendicagiusti »

Tolkien non specifica niente riguardo all'osservatore.
The "Watcher in the Water" is the only name Tolkien gave to this creature in the The Lord of the Rings, and in any of his writings, although Tolkien refers to the Watcher in the Water as simply "The Watcher" for the remainder of the novel.
http://en.wikipedia.org/wiki/Watcher_in_the_Water
Tuttavia qualche informazione su di lui ci sono. Per esempio è comparso quando si formò il lago vicino alla porta orientale di moria a causa della frana sul fiume sirannon.
Inoltre da uqnado l'osservatore è apparso, non si sa come ma è diventato il protettore delle porte di moria e attacca chiunque indistintamente.
Fonte: guida per i viaggiatori della terra di mezzo, roberto fontana.
Avatar utente
Vykos
Moderatore
Messaggi: 4912
Iscritto il: 06 ott 2005, 23:00
Località: Pisa

Re: Il signore degli anelli

Messaggio da Vykos »

Comunque, giusto per precisione, i cinque stregoni (detti anche Istari) sono:
- Curunìr (Uomo di destrezza) - Saruman il Bianco
- Olòrin (Colui che suggerisce sogni) - Gandalf il Grigio/Bianco
- Aiwendil (Amante degli uccelli) - Radagast il Bruno
- Morinethar (Uccisore di tenebre) - Alatar il Blu
- Romestamo (Aiutante dell'est) - Pallando il Blu
Il loro eventuale morire è correlato al merito con il quale stanno svolgendo il loro dovere di controllori, quindi è per questo che Gandalf torna in vita con maggiori poteri pur ucciso da un Balrog e che Saruman invece muore senza appello anche se è stata solo una coltellata di Vermilinguo.
I'll become one with the Planet...
________________________________________
Teoskaven
SeeD
Messaggi: 1028
Iscritto il: 14 apr 2009, 13:13
Sesso: M

Re: Il signore degli anelli

Messaggio da Teoskaven »

Necroposto per chiedere un parere, anche se riguarda più i film che il libro. Non so quanti di voi seguano la Nostalgia Critic, una branca della web TV ThatGuywiththeglasses, ma nel lontano luglio 2009 ha fatto una recensione-confronto fra la versione animata di Ralph Bashki e i primi 2 film della trilogia di Peter Jackson (questo perchè Bashki ha compresso in un solo film La compagnia dell'Anello e Le due torri).
In linea di massima sono d'accordo su molte cose (come le differenze fra i personaggi di supporto o l'eccessiva bestialità di Sauron nei film di Jackson: vi giuro che quando avevo provato a dargli un'immagine leggendo il libro avevo pensato all'Imperatore di FFII). La versioni di Bashki mi ricordo di averla vista molto tempo fa, pertanto mi ricordo molto poco .-.
Anyway, vorrei sentire anche i vostri pareri :sisi:
Avatar utente
Vykos
Moderatore
Messaggi: 4912
Iscritto il: 06 ott 2005, 23:00
Località: Pisa

Re: Il signore degli anelli

Messaggio da Vykos »

Allora, devo dire che in generale secondo me quel ragazzo - molto simpatico - non ha capito parecchie cose de ISdA.

Il fatto che Frodo non possa opporsi al re stregone di Angmar trovo sia sacrosanto: Frodo dispone dell'addestramento di mezzo pomeriggio con una daga, il re stregone è il non morto più potente ed in vita fu un valoroso re guerriero, non c'è storia che un hobbit possa mettersi a fare schermaglie.

La scena del fiume nei film è alquanto fanservice nel senso che serve a presentare l'altro elemento kolossal, la "lei" della storia d'amore della trilogia; la versione migliore resta quella dei libri, dove a trasportare frodo è un elfo che non è Arwen ma dove Frodo viene trasportato perchè da solo non può muovere un passo. Sarebbe suonato assai poco pericoloso il colpo del re stregone se per miglia perfino un hobbit avesse potuto fuggire a cavallo.

E' quindi assai da superficialotti dire che il Frodo migliore è quello di Bakshi solo perchè combatte meglio, per non dire che è proprio un criterio idiota: anche qualora il ruolo di Frodo fosse quello di combattente, cosa che non è, l'importante è come le scene vengono rese sul piano di ciò che significano, non quanti HP i buoni tolgono ai cattivi, stiamo scherzando?

Gli Aragorn sono entrambi un po' sbagliati: quello di Bakshi altro non è che un grebano senza senso, ma quello di Jackson è il "lui" della storia d'amore della trilogia, un bellone gratuito che NESSUNO potrebbe prendere per un minaccioso ramingo, chiunque vedrebbe da un miglio di distanza che quello è IL tizio importante, Jackson non ha avuto nemmeno il coraggio di sporcarlo come si deve. Il recensore dà la vittoria a Viggo Mortensen solo perchè l'altro è troppo minaccioso e sembra un lestofante? Ma il recensore si è accorto che un ramingo che si rintana nelle taverne DEVE sembrare un lestofante e quanto più minaccioso e delinquente possibile? Ha un'idea, il recensore, di quanto sia stupido che in una taverna di manigoldi ci sia un belloccio stiloso che fuma in un angolo senza che nessuno lo pesti a sangue o almeno ci provi? In quell'ambiente è assolutamente dovuto che Aragorn sembri un brigante. Bakshi c'è andato molto più vicino.

Il Gandalf migliore è palesemente quello di Jackson: nei libri l'aspetto "scemo" di Gandalf dura meno di mezzo secondo e solo nella Contea, per il resto è un saggio ed una guida fiera e combattiva. Non esiste che lo si interpreti come un rimbambito non ben precisato.

Saruman nell'opera di Bakshi è pessimo. A parte il fatto che è uguale a Gandalf ma con un vestito diverso (ROSSO, Saruman il Bianco è vestito di ROSSO), non ispira rispetto nè saggezza fosse anche per mezzo secondo. Christopher Lee è semplicemente uno dei migliori attori della storia del cinema anche se certo non uno dei più versatili, il timbro che è in grado di dare al personaggio non l'ho trovato neppure nel Saruman dei libri e non è un caso: Lee è un fan sfegatato de Il Signore degli Anelli, sa meglio di moltissimi come Tolkien lo volesse intendere e certamente lo sa molto meglio di Jackson e di Bakshi. Vince quindi Lee, non Jackson.

Sui Nazgul non c'è gara, anche se ammetto che molto è dato dalle nuove tecnologie. Nei film fanno paura, nella versione di Bakshi no.

Veniamo a Sauron. Lamentare un'eccessiva bestialità di Sauron mi suona assai paradossale. Tra tutti i pregi che aveva il professor Tolkien certo non c'era la laicità di pensiero, nel suo mondo i buoni sono tendenzialmente belli ed i cattivi sono tendenzialmente mostruosi.
Sauron è un Maia corrotto da Morgoth e come tale deve essere una creatura spaventosa. Tra l'altro, c'è una scena girata ma non inserita nei film (neppure nella versione integrale) che si svolge ne Il Ritorno del Re: quando Aragorn si presenta davanti al cancello nero di Mordor, inizialmente Jackson aveva preparato questa scena nella quale il cancello si apriva mostrando Sauron nella sua forma luminosa di Maia, Annatar il Signore dei Doni, che lasciava attoniti ed incantati tutti i presenti, prima di svanire e lasciare libera la visione del vero aspetto delle pianure di Gorgoroth, del Monte Fato e di Barad-Dur. Quindi Jackson non ha dimenticato cosa fosse Sauron, ha semplicemente deciso che altre cose erano più importanti e che un film intenzionato a diventare un kolossal avrebbe dovuto presentare in quel frangente tutto il potere minaccioso di Mordor e non riflessioni sul bene perduto.

Il recensore loda la trovata di Bakshi di non mostrarlo mai, che in effetti è una buona pensata, ma il punto è: quella storia che viene narrata fa paura o no? Il Sauron di Jackson sarà anche troppo sfarzoso, ma dà un incipit al film molto chiaro: quando c'è Sauron di mezzo non se ne fa nulla, si muore e basta. In quello di Bakshi è un tizio dietro ad un separè che di minaccioso non ha che l'esercito, anch'esso non visto.

L'Occhio com'è reso da Jackson poi è semplicemente perfetto: Sauron non è un potere gentile e connivente dai tempi del dono degli anelli alle razze, quando muove guerra al mondo e quando poi cerca di recuperare l'Anello la sua è una malvagità prepotente ed arrogante, non è mica poi un caso che mandi eserciti di orchi invece di pacchi regalo.
Bella quindi l'idea di Bakshi, pessimo lo sviluppo che ha avuto.

Sulle scene d'azione, vorrei anche vedere. Al di là dell'abisso tecnico a favore di Jackson, è proprio la maggior varietà delle scene ad essere superiore oltremisura. Peccato per alcune minchiate cinematografiche (qualcuno ha detto "skateboard sullo scudo"?), perchè se Jackson avesse fatto meno lo scemo e più il traspositore avrebbe raggiunto la quasi perfezione.

Non c'è stato poi - fortunatamente - neanche un inizio di paragone fra le musiche. Solo dal main theme si capiscono molte cose.
I'll become one with the Planet...
________________________________________
Rispondi

Torna a “Libri&Co.”