Dopo un bell’approfondimento sulle magie di Final Fantasy XV, Tabata passa a parlare dell’Impero di Niflheim, che gli eventi vorranno antagonista della famiglia dei Lucis. Nel corso dell’ATR (che potete rivedere in questo post) sono state offerte informazioni più dettagliate sui personaggi di spicco dell’Impero, con la precisazione però che le informazioni diffuse attengono alla situazione esistente subito dopo l’inizio del gioco. Questo significa che ruoli e volti dell’Impero muteranno nel corso dell’avventura, ma parlarne adesso sarebbe una fonte eccessiva di spoiler.


il nuovo artwork mostra Noctis e compagni nascondersi di fronte all’avanzata delle truppe imperiali


All’inizio del gioco Niflheim avrà già invaso e conquistato buona parte dei regni del mondo di Final Fantasy XV, sfruttando la propria superiorità tecnologica e le ingenti forze militari a disposizione. La demo Episode Duscae ci ha permesso di dare un primo sguardo all’esercito imperiale e di accorgerci che le sue truppe d’assalto non sono formate da uomini, ma da androidi, soldati robotizzati. Niflheim dispone inoltre di magitek corazzati e di una potente flotta aerea, anch’essa quasi interamente automatizzata. Il Regno dei Lucis è sinora riuscito a mantenere la propria indipendenza grazie al potere del Cristallo custodito dalla famiglia reale: la sua più grande risorsa è infatti la magia, che ha consentito ai Lucis di erigere delle barriere a protezione del regno.


I volti dell’Impero

Trattandosi di un impero dalla forte vocazione militare, la struttura gerarchica di Niflheim è piramidale, con al vertice l’imperatore Iedolas Aldercapt. Si tratta di un personaggio non particolarmente amato dai paesi circostanti, viste le sue mire espansionistiche, ma in realtà all’inizio del gioco non è Iedolas a prendere le decisioni più importanti sul destino dell’impero. Già da tempo infatti l’imperatore si è parzialmente ritirato dalal vita militare, delegando i propri compiti a Ardyn Izunia, che può quindi definirsi il vero uomo al comando. Avevamo già visto l’uomo dai capelli viola (disegnato da Roberto Ferrari) diversi mesi fa, ma oggi ne scopriamo nome e peso e politico: Ardyn è il reggente di fatto di Niflheim, ed è stata sua l’idea di finanziare la ricerca e lo sviluppo militare dei magitek. Proprio i magitek ci permettono di passare ad un altro personaggio già noto a chi ha seguito i precedenti ATR: Verstael è infatti l’inventore di questa tecnologia, e il suo ruolo nella storia si conferma a dir poco centrale.


La struttura dell'impero di Niflheim Iedolas Aldercrapt, l'imperatore Ardyn Izunia, il reggente di fatto dell'impero

Il Generale Glauca, capo delle forze militari I due modelli dei soldati di Niflheim Aranea Highwind, la bella e potente draghiera, ufficiale dell'esercito di Niflheim


Altro volto di spicco dell’impero è il Generale Glauca, personaggio inedito mostrato (ma non in volto) per la prima volta proprio in questa occasione. Glauca è il generale al comando delle forze militari di Niflheim, e ai suoi ordini troviamo una moltitudine di ufficiali e, naturalmente, tutti i soldati semplici. A proposito di soldati, Tabata ci rivela che ne esistono due tipi: gli androidi già mostrati in Episode Duscae, adatti all’offensiva militare, e quelli ottimizzati invece per compiti non offensivi, a cui vengono affidate tutte le incombenze al di fuori della battaglia (come mostrato nel trailer Dawn). Se i soldati sono principalmente robotici, gli ufficiali invece sono sempre umani, e a loro spetta la direzione dei singoli combattimenti. Proprio tra gli ufficiali troviamo la bella dragoon mostrata fugacemente in filmati passati: il suo nome è Aranea Highwind, ed è il comandante di un’unità mercenaria dell’esercito, esattamente la “Third Army Crops 87th Airborne Unit”. Aranea è estremamente abile negli attacchi sferrati a mezz’aria, e questo le ha fatto guadagnare il soprannome di “draghiera” (oltre che il cognome Highwind).


Infiltrarsi nella base nemica

Parlare dell’Impero di Niflheim dà a Tabata l’occasione per mostrare una nuova sequenza di gameplay, in cui Noctis dovrà infiltrarsi in una base militare avversaria, preferibilmente senza essere scoperto dai soldati nemici: sfruttando l’abilità warp potremo mantenerci nelle zone d’ombra per non essere visti, oppure balzare alle spalle dei nostri avversari per eliminarli silenziosamente



Oltre a miglioramenti nella gestione della telecamera, il video ci mostra le modifiche apportate all’interfaccia comandi, profondamente differente da quella provata in Episode Duscae. Con le nuove impostazioni è possibile passare rapidamente da un’arma all’altra con l’uso dei tasti freccia laterali, in modo da incrementare la velocità delle proprie azioni in battaglia e rendere il tutto ancora più fluido, come richiesto dai giocatori della demo. I quattro tasti azione saranno invece assegnati di default ai comandi Attacco, Difesa, Salto e Warp, ma nel corso del gioco si sbloccheranno nuovi comandi, per cui le azioni preimpostate varieranno a seconda del contesto.

Altra novità mostrata attiene alle nuove combo, che Tabata definisce come il quarto tipo di combo di FFXV. Nel gioco avremo infatti combo che si attiveranno automaticamente in presenza di certe condizioni (come il trovarsi vicini ad un alleato), combo che si attiveranno dopo aver parato un attacco, quelle attivate dagli alleati (introdotte in Episode Duscae 2.0) ed infine la tipologia mostrata in quest’ultimo ATR, ossia la possibilità di assegnare ad un alleato un comando specifico. Man mano che gli alleati di Noctis aumenteranno di livello si renderanno disponibili nuovi comandi, e le nostre scelte in battaglia a favore di un comando piuttosto che di un altro porteranno quel personaggio a svilupparsi maggiormente lungo quel filone di abilità, e a sbloccarne di altre correlate. Tabata ha spiegato infatti che i nuovi comandi sbloccabili sono organizzati ad albero, e saranno le nostre scelte in battaglia a indirizzare lo sviluppo su un ramo piuttosto che su un altro.

Il nuovo video gameplay ci ha anche mostrato Ignis creare dei warp point, subito usati da Noctis per teletrasportarsi in quel punto, e Prompto lanciare un abbagliante Flare. Quest’ultimo attacco potrà essere usato anche per illuminare una zona oscura, e allontanare i nemici notturni. Anche le combo aeree di Noctis sono state migliorate, e lo stesso vale per la sua capacità di rimanere a mezz’aria sfruttando un mix di attacchi e warp point.



Per finire, qualche dettaglio sullo sviluppo: Tabata ha dichiarato che la produzione su PC è ormai praticamente completa e attualmente il team è impegnato a trasferire il tutto su console badando a non compromettere in alcun modo le performance di gioco. L’obiettivo finale si avvicina, e Tabata è davvero soddisfatto dei grandi miglioramenti apportati al gioco dai tempi della demo Episode Duscae, dichiarando di essere finalmente riuscito a portare su schermo il gameplay che il team aveva immaginato sin dall’inizio dello sviluppo.

Rinoa Heartilly

Rinoa Heartilly

Il mio nome è Anna e ho creato il Rinoa's Diary nell'ormai lontano 2001, stregata (ha-ha) dall'ottavo capitolo Final Fantasy. Da quel momento, l'amore per la saga non mi avrebbe più abbandonata.

Lascia un commento