Il nuovo trailer di Kingdom Hearts III presentato al D23 Expo ci ha presentato il mondo di Buzz Lightyear e dello sceriffo Woody direttamente dall’universo di Toy Story, un universo da cui il director Nomura confessa di essere da sempre affascinato, tanto da volerlo inserire nella serie Kingdom Hearts sin dall’uscita del secondo capitolo numerato.


Guardando il nuovo trailer credo che Sora si sposi bene con quel mondo, ed è qualcosa che personalmente ho sempre voluto vedere – quella scena in cui Buzz e Woody si incontrano faccia a faccia con Sora, nella sua forma giocattolo. L’ho immaginata molte volte nella mia mente, ed essere in grado di darle vita nel gioco è qualcosa che mi rende molto entusiasta. Spero che i giocatori nutrano gli stessi sentimenti.Tetsuya Nomura


La storia raccontata nel mondo di Toy Story sarà del tutto originale, differente da quella dei 3 film, proprio come richiesto da Pixar Studios


Pixar ci ha chiesto di non seguire direttamente il film. “Create qualcosa di originale per Kingdom Hearts”, hanno detto, e così non abbiamo preso ispirazione dai film. Il tutto è interamente originale ed esclusivo per Kingdom Hearts, si potrebbe quindi considerare una sorta di sequel. La linea narrativa si colloca un po’ di tempo dopo gli eventi di Toy Story 2. Tetsuya Nomura

Nomura ha dichiarato di aver lavorato alla storia e al mondo a stretto contatto con Pixar, e che questo ha comportato numerose modifiche e revisioni in corso d’opera (“Non riesco a credere a quanti avanti e indietro ho dovuto fare”, ha dichiarato ridendo).



Nel trailer, Sora e i protagonisti di Toy Story si avventurano alla voce di Galaxy Toys, l’area principale di questo nuovo mondo. “Sora, Paperino e Pippo sono molto piccoli, per cui l’area di gioco darà la sensazione di essere gigantesca. Abbiamo anche realizzato una pluralità di piani, e ciascuna sezione ha una sua propria personalità, per così dire”.

Oltre al gameplay, l’area sarà anche zeppa di eventi rilevanti per la trama: il gruppo è infatti alla ricerca di Andy e del motivo per cui l’Organizzazione XIII è interessata proprio a questo mondo. 


Piuttosto che creare una grande quantità di piccoli mondi, abbiamo voluto offrire una ricca esperienza di gioco all’interno di ciascun singolo mondo, per cui abbiamo impiegato molte risorse e molto impegno nel processo di creazione di questi universi. Sarebbe triste se i giocatori non riuscissero a godersi appieno questa esperienza, passando rapidamente da un mondo all’altro. Per questo motivo ci siamo assicurati di pensare e creare i vari mondi in un modo che consentisse ai giocatori di fare con calma e godersi tutto il gameplay a disposizione.Tetsuya Nomura

Rinoa Heartilly

Rinoa Heartilly

Il mio nome è Anna e ho creato il Rinoa's Diary nell'ormai lontano 2001, stregata (ha-ha) dall'ottavo capitolo Final Fantasy. Da quel momento, l'amore per la saga non mi avrebbe più abbandonata.

Lascia un commento