Durante il live stream per il secondo anniversario di Mobius Final Fantasy, Naoki Hamaguchi (director del titolo mobile) ha parlato dei vari recruit attualmente in corso per la lavorazione di Final Fantasy VII Remake (battle e level planners; background, motion e video effects designers: un programmatore) sottolineando come lo sviluppo sia passato dall’essere in collaborazione con vari studi esterni, ad uno sviluppo più interno, “in casa“.


La notizia (e i recruit) è già disponibile online, ma confermo che ho preso in carico lo sviluppo di FFVII Remake. Per quanto riguarda l’intera storia (è un tasto molto delicato), fino ad ora lo sviluppo è stato portato avanti con una cooperazione esterna, ma la compagnia ha deciso di traslare tutto all’interno, compresa una produzione di massa e qualità, perché vogliamo controllare tutto, qualità inclusa, con una tabella di marcia stabile.



Queste dichiarazioni di Hamaguchi non ci permettono di capire se alcune società che avevano già annunciato la loro collaborazione con Square-Enix per il Remake, come Cyberconnect2, si sposteranno a lavorare nelle sedi del colosso giapponese, oppure se questo cambio di passo interromperà ogni aiuto esterno.

In attesa di ulteriori sviluppi, ricordiamo che Final Fantasy VII Remake è atteso su Playstation 4 in più Parti, di cui (almeno) la prima uscirà entro i prossimi tre anni


Brian Farey

Brian Farey

Sono Stefano, e la mia carriera videoludica inizia dal NES proseguendo con la Playstation. La conoscenza (e l'amore) con Final Fantasy scatta col settimo capitolo: da lì in poi inizio a ricercare e a studiare ogni singolo aspetto, passato e presente, della serie sulla fantasia finale. Ed è ciò che mi ha portato a scrivere per il più grande fansite italiano sulla saga. Apprezzo anche vari altri titoli videoludici (Yakuza e Metal Gear su tutti), vari anime, manga e musica in generale.

Lascia un commento