I Florence + The Machine, band britannica fondata dalla cantante Florence Welch, ci avevano già sorpresi con la loro splendida cover di “Stand by me“, uno dei temi musicali portanti di Final Fantasy XV il cui testo esprime il ringraziamento di Noctis nei confronti dei suoi amici, del padre, e di tutte le persone che sono sempre rimaste al suo fianco. A questo pezzo, annunciato per la prima volta durante FFXV Uncovered, si aggiungono adesso altri due meravigliosi singoli, “Too much is never enough” e “I will be“, che possono essere ascoltati su Spotify o sul canale Youtube della band. I 3 singoli vanno a comporre l’album “Song from Final Fantasy XV“, già disponibile su iTunes, Spotify e Google Play.



Ho sempre visto Final Fantasy come una serie bellissima e creativa, per cui non credo che avrei potuto collaborare con un differente videogioco. Non avrebbe avuto senso. In qualche modo, il paesaggio raccontato da Final Fantasy sembrava adattarsi bene al mio paesaggio interiore. E’ mitico e bellissimo e epico. Stavo ascoltando Classic FM e c’era un programma di ben 2 ore sulla musica classica nei videogiochi. E’ stato di grande ispirazione, mi ha mostrato nuovi ambiti e possibilità musicali che non conoscevo. E’ stato davvero affascinante, le musiche erano incredibilmente belle ed emozionanti, e l’ho preso come un segno, per provare a vedere cosa riuscissi a fare in questo ambiente. Florence Welch

I will be” è stata usata come sottofondo musicale del nuovo video “World of Wonder“, che potete ammirare nel lettore sottostante, mentre “Too much is never enough” racconta un disperato monologo di Noctis. Il testo è fonte di potenziali spoiler, per cui leggete a vostro rischio e pericolo: lo trovate in basso, insieme ad una mia traduzione italiana 😉




Testo inglese di 'Too Much is Never Enough'
And the crown it weighs heavy
’till it’s banging on my eyelids.
Retreating in covers and closing the curtains
One thing’s for certain, oh
A year like this passes so strangely
Somewhere between sorrow and bliss

Oh, who decides from where up high?
I couldn’t say “I need more time”
Oh, grant that I can stay the night
Or one more day inside this life

Too much, too much, too much, too much, too much,
Never enough
Too much, too much, too much, too much, too much,
Never enough
Too much, too much, too much, too much, too much,
Never enough
Too much, too much, too much, too much, too much,
Never, never, never enough

Oh, you wondrous creature
Coming up who we are
’cause I’m retreating in covers and closing the curtains
One thing’s for certain, oh
A year like this passes so strangely
Somewhere between sorrow and bliss

And who decides from where up high?
[One other year, a hundred flags flying in a field] I couldn’t say “I need more time”
[One day, I felt to let go of me] Oh, grant that I can stay the night
[One other year, a hundred flags flying in a field] Or one more day this inside this life
[It’s time to let go of me]

Too much, too much, too much, too much, too much,
Never enough
Too much, too much, too much, too much, too much,
Never enough
Too much, too much, too much, too much, too much,
Never enough
Too much, too much, too much, too much, too much,
Never, never, never enough

And who cares about the thing I did that night?
So what? Maybe Luna had it right
And who cares if I’m coming back alive?
So what? At least I have the strenght to fight.

Too much, too much, too much, too much, too much,
Never enough
Too much, too much, too much, too much, too much,
Never enough
Too much, too much, too much, too much, too much,
Never enough
Too much, too much, too much, too much, too much,
Never, never, never enough

One other year, a hundred flags flying in a field
Oh, one day, I felt to let go of me
One other year, a hundred flags flying in a field
Oh, it’s time to let go of me
A hundred flags flying in a field
One day, I felt to let go of me
One other year, a hundred flags flying in a field
Oh, it’s time to let go of me

Traduzione italiana di 'Too Much is Never Enough'
E la corona si è fatta pesante
Tanto che picchia sulle mie palpebre
Mi ritiro in difesa e chiudo le tende
Una cosa è certa
Un anno come questo passa in modo così strano
Da qualche parte tra il dolore e la felicità

Oh, e chi è a decidere? Dall’alto di quale pulpito?
Non ho potuto dire “Ho bisogno di più tempo”
Oh, fa’ che io possa resistere questa notte
O ancora un altro giorno in questa vita

Troppo, troppo, troppo, troppo, troppo
Mai abbastanza
Troppo, troppo, troppo, troppo, troppo
Mai abbastanza
Troppo, troppo, troppo, troppo, troppo
Mai abbastanza
Troppo, troppo, troppo, troppo, troppo
Mai, mai, mai abbastanza

Oh, splendida creatura
Sta venendo fuori chi siamo davvero
Perché mi ritiro in difesa e chiudo le tende
Una cosa è certa, oh
Un anno come questo passa in modo così strano
Da qualche parte tra il dolore e la felicità.

E chi è a decidere? E da quale pulpito?
[Un altro anno, cento bandiere sventolano su un campo] Non ho potuto dire “Ho bisogno di più tempo”
[Un giorno, ho sentito di lasciarmi andare] Oh, fa’ che io possa resistere questa notte
[Un altro anno, cento bandiere sventolano su un campo] O ancora un altro giorno in questa vita
[E’ tempo di lasciarsi andare]

Troppo, troppo, troppo, troppo, troppo
Mai abbastanza
Troppo, troppo, troppo, troppo, troppo
Mai abbastanza
Troppo, troppo, troppo, troppo, troppo
Mai abbastanza
Troppo, troppo, troppo, troppo, troppo
Mai, mai, mai abbastanza

E a chi importa di quel che ho fatto quella notte?
E allora? Forse Luna aveva ragione.
E a chi importa se ne uscirò vivo?
E allora? Almeno io ho la forza di combattere.

Troppo, troppo, troppo, troppo, troppo
Mai abbastanza
Troppo, troppo, troppo, troppo, troppo
Mai abbastanza
Troppo, troppo, troppo, troppo, troppo
Mai abbastanza
Troppo, troppo, troppo, troppo, troppo
Mai, mai, mai abbastanza

Un altro anno, cento bandiere sventolano su un campo
Un giorno, ho sentito di lasciarmi andare
Un altro anno, cento bandiere sventolano su un campo
Oh, è tempo di lasciarmi andare.
Cento bandiere sventolano su un campo
Un giorno, ho sentito di lasciarmi andare
Un altro anno, cento bandiere sventolano su un campo
Oh, è tempo di lasciarmi andare.

Se volete riportare altrove la traduzione italiana che trovate nello spoiler qui sopra, assicuratevi di inserire i credits al Rinoa’s Diary 😉

Rinoa Heartilly

Rinoa Heartilly

Il mio nome è Anna e ho creato il Rinoa's Diary nell'ormai lontano 2001, stregata (ha-ha) dall'ottavo capitolo Final Fantasy. Da quel momento, l'amore per la saga non mi avrebbe più abbandonata.

Lascia un commento