Sulle pagine di examiner.com, il director Hajime Tabata si sbottona sull’importanza della storia in Final Fantasy XV e sugli elementi che faranno grande questo quindicesimo capitolo della saga.

Una delle colonne principali della storia di FFXV è il racconto di come Noctis passi dall’essere un giovane principe a voler diventare il sovrano del regno. Questa è una parte essenziale del giocoTabata


Noctis andrà incontro ad una grande crescita personale nel corso della narrativa di gioco, e il giocatore prenderà parte a questo emozionante viaggio interiore. La narrativa e lo sviluppo dei personaggi procederanno naturalmente ed in costante connessione tra loro: “Stiamo davvero puntando a realizzare un gioco in cui il gameplay e la narrativa siano combinate, siano una cosa sola. ha dichiarato Tabata. A questo proposito, il director ha citato The Last of Us come splendido esempio in cui la storia ed il gameplay interagiscono l’uno con l’altra.


E’ molto importante che la storia proceda attraverso il gameplay nel modo più naturale possibile, un po’ come accade in The Last of Us, per esempio.Tabata

Passando a parlare delle emozioni che coinvolgeranno i protagonisti di FFXV, Tabata ha dichiarato che l’amore non sarà l’unico tema in gioco. Anzi, nel corso del gioco assisteremo ad una serie di diversi rapporti interpersonali, a cominciare dal rapporto padre-figlio e dall’amicizia che lega Noctis ai suoi compagni di viaggio. In proposito la presenza della macchina usata dai 4, Regalia, non è di secondaria importanza perché rappresenta una metafora del cammino insieme, dell’andare verso la stessa direzione. In più, essa simboleggia il forte legame con il padre, e non è un caso che Noctis usi lo strumento lasciatogli in dono dal padre per compiere il viaggio che lo condurrà al proprio destino.



Noctis, essendo il Re, possiede un certo numero di poteri e abilità speciali che gli derivano dall’essere parte della famiglia reale. Ignis invece è uno stratega, e agisce in supporto al gruppo, agevolando le azioni più potenti e difficoltose. Ha origini aristocratiche ed un profondo senso del dovere. Gladiolus ha una presenza piuttosto intimidatoria, “è un po’ il tipo che scambieresti per una guardia del corpo”. In un MMO sarebbe sicuramente un tank, e in FFXV ha l’attacco fisico più forte del gruppo. Come Ignis ha origini altolocate, e svolge il proprio dovere con estrema professionalità e dedizione. Per finire abbiamo Prompto, il cui modus operandi è del tutto particolare: il biondino si muove continuamente lungo i margini del campo di battaglia per confondere i nemici, e li attacca poi a distanza con le proprie armi da fuoco. Anche le sue origini si differenziano da quelle degli altri alleati: Prompto non proviene da una famiglia nobile e non fa parte del personale al servizio dei reali, ma è semplicemente legato a Noctis da una profonda amicizia. Questo spiega perché nell’interagire con lui sia molto naturale e spontaneo.

Secondo Tabata questa grande varietà nei comportamenti e nel carattere dei personaggi offrirà al giocatore quel “mix di stili” tipico dei giochi moderni, e che d’altra parte ha sempre caratterizzato gli episodi Final Fantasy Questa varietà non si limiterà al solo campo di battaglia, ma caratterizzerà tutte le interazioni tra i personaggi.


 

 

 

Rinoa Heartilly

Rinoa Heartilly

Il mio nome è Anna e ho creato il Rinoa's Diary nell'ormai lontano 2001, stregata (ha-ha) dall'ottavo capitolo Final Fantasy. Da quel momento, l'amore per la saga non mi avrebbe più abbandonata.

Lascia un commento