Nel corso della sua intervista a Dengeki, dopo aver parlato di FFVII Remake e di Kingdom Hearts III, Nomura ci ha sorpreso con interessanti rivelazioni su World of Final Fantasy, titolo per PlayStation 4 e PlayStation Vita di cui ha disegnato diversi personaggi. Stando a Nomura, WoFF fu originariamente pensato come un simulatore, e soltanto per caso è diventato lo spinoff nonché RPG classico che conosciamo oggi.



Originariamente volevamo creare un gioco del tutto diverso. Era più un simulation game, completamente diverso da World of Final Fantasy. Nel corso dello sviluppo abbiamo creato i personaggi che adesso conoscete come Primero e Oobito, li abbiamo inseriti nel setting del gioco e ideato un sistema che consentisse di passare liberamente dall’uno all’altro.
Tuttavia abbiamo incontrato diversi problemi, e il gioco è stato resettato completamente. Così abbiamo deciso di cambiare e utilizzare i i personaggi chibi ideati per Pictologica Final Fantasy. Dopodiché, Chiba (il director Hiroki Ciba) ha deciso di includere Primero e Oobito nel nuovo World of Final Fantasy.

Tetsuya Nomura

Dopo questo radicale cambiamento lo sviluppo è proseguito fluidamente, e Nomura si è occupato di creare diversi personaggi, compresi i protagonisti Reynn e Lann, ma anche Enna Kros ed un quarto personaggio femminile. Si è inoltre occupato del casting dei doppiatori e di una revisione finale el gioco, alla ricerca di problemi di vario tipo. E per quanto riguarda i contenuti di WoFF?


Mi sono affidato completamente al team di sviluppo sul piano dei contenuti. Di tanto in tanto chiedo loro di mostrarmi alcuni elementi, ma piuttosto che dar loro istruzioni mi limito a cercare eventuali problemi. Ad esempio ho dato qualche ritocco ai ritmi dei combattimenti e alla interfaccia di gioco.Tetsuya Nomura

World of Final Fantasy arriverà su PS4 e PSVita il 28 Ottobre 2016, ma giorno 17 sarà distribuita una demo gratuita sul PSN.

Rinoa Heartilly

Rinoa Heartilly

Il mio nome è Anna e ho creato il Rinoa's Diary nell'ormai lontano 2001, stregata (ha-ha) dall'ottavo capitolo Final Fantasy. Da quel momento, l'amore per la saga non mi avrebbe più abbandonata.

Lascia un commento