Sono ormai trascorsi mesi dall’ultima volta in cui Nomura si è soffermato a parlare di Final Fantasy VII Remake. Le ultime interviste rilasciate alla stampa specializzata risalgono infatti al Dicembre scorso, quando il director si era sbottonato su storia e combat system, sullo scenario della Parte 1, e ancora su worldmap e doppiaggio). Nelle scorse ore l’eterno-adolescente-Nomura ha rotto il silenzio, rispondendo a qualche domanda sul lavoro probabilmente più ambizioso della sua carriera: l’anno prossimo, il 2017, lo storico Final Fantasy VII spegnerà le sue venti candeline e sono inevitabili festeggiamenti e sorprese di ogni genere. Anche il director di Kingdom Hearts ha dichiarato di voler fare la sua parte: è possibile che il primo episodio di FFVII Remake sarà pronto per quella data?



E’ ancora presto per dirlo, e stando a Nomura bisognerà attendere World of Final Fantasy e gli altri titoli Square-Enix di imminente uscita vedano la luce prima che ai fans vengano svelate nuove informazioni. Se il suo riferimento includeva anche Final Fantasy XV, dovremo dunque attendere almeno un mese e mezzo, prima di saperne di più.

Sul sistema di combattimento, Nomura ha confermato che “il combat system di FFVII Remake sarà molto diverso da quello dell’episodio originale”, e ha sottolineato la necessità di comunicare molto chiaramente ai giocatori come funzionerà il nuovo sistema, per evitare fraintendimenti o false rappresentazioni. Il director ha dichiarato di essere consapevole che numerosi fans hanno richiesto il ritorno dell’ATB (Active Time Battle) utilizzato in Final Fantasy VII, ma ha precisato che ci sarà una forte componente action in questo remake. Tuttavia, Nomura ha aggiunto che sta costruendo un sistema di combattimento che possa entusiasmare anche i fans più tradizionali della saga.


Rinoa Heartilly

Rinoa Heartilly

Il mio nome è Anna e ho creato il Rinoa's Diary nell'ormai lontano 2001, stregata (ha-ha) dall'ottavo capitolo Final Fantasy. Da quel momento, l'amore per la saga non mi avrebbe più abbandonata.

Lascia un commento